Italia

Memorie di una guerraI 57 giorni del 1992 in cui la mafia si ruppe le corna
Poco meno di due mesi separano l’attentato a Falcone dalla strage di via D’Amelio. Ma per Cosa Nostra, lanciata in una folle corsa stragista e terrorista, quello fu per lei il momento di non ritorno. Dopo la morte di Borsellino, tutta la rete di connivenze e pavidità si sciolse e fu tutto il Paese ad avvertirlo, mosso da quel coraggio civile che gli italiani sanno tirare fuori nei momenti più tragici