Roma, si è dimesso Ignazio Marino

La decisione arriva in serata, dopo una lunghissima giornata di incontri, pressioni e trattative

La decisione arriva al termine di una lunghissima giornata, per Ignazio Marino. È cominciata con l’annuncio, poi smentito, delle dimissioni di tutti gli assessori del Pd. Annuncio di Ruocco, de Movimento Cinque Stelle, subito ritirato da Stefano Esposito, del Pd che però aveva sottolineato che “la fine è inevitabile”.

Poi, sono arrivati i primi addii: tra cui lo stesso Esposito, seguito dal vicesindaco Marco Causi e l’assessore all’Istruzione di Marco Rossi Doria.

Al centro della questione una serie di errori politici e personali commessi da Ignazio Marino, tra cui le spese all’estero pagate con la carta di credito del Comune, che Marino aveva detto che avrebbe rimborsato (cosa che ha fatto). Dopo gli incontri con gli assessori e i rappresentanti dei partiti, il sindaco di Roma ha deciso di mollare.

Cosi ha detto: “Esiste un problema di condizioni politiche per compiere questo percorso. Queste condizioni oggi mi appaiono assottigliate se non assenti. Per questo ho compiuto la mia scelta: presento le mie dimissioni.
Sapendo che queste possono per legge essere ritirate entro venti giorni. Non è un’astuzia la mia: è la ricerca di una verifica seria, se è ancora possibile ricostruire queste condizioni politiche.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta