Conto corrente, quanto mi costi: ecco perché è un errore tenere i soldi parcheggiati

Tassi d’interesse bassi, rischio inflazione, costi crescenti: il vecchio caro deposito in banca è sempre meno un porto sicuro. E le alternative non mancano

Storicamente, il conto corrente rappresenta un porto sicuro in cui parcheggiare i propri risparmi e dormire sonni tranquilli. I tassi d’interesse sottozero, i costi in crescita connessi alla crisi delle banche, che si sommano a rischi più classici come quello dell’inflazione (che sta tornando) e il costo opportunità – non approfittare di altre occasioni di guadagno – rendono tuttavia questa scelta sempre meno preferibile.

Continua a leggere su Risparmiamocelo

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta