Piani individuali di risparmio: la gestione attiva rende di più, ma attenti ai costi

Un’analisi di Intermonte mostra come i fondi Pir a gestione attiva battano con largo scarto i rivali dei fondi Pir indicizzati ed Etf. Però i costi possono erodere i vantaggi conseguiti

(Pixabay / geralt)

Quando si parla di investimenti c’è una eterna rivalità che riguarda la gestione attiva e passiva in tema di investimenti. La sfida si rinnova anche sul terreno dei Pir, i nuovi piani individuali di risparmio che prevedono agevolazioni fiscali in cambio di un investimento per almeno il 70% in aziende italiane. Uno studio di Intermonte permette di farsi un’idea di vincitori e vinti: la gestione attiva ha mediamente rendimenti maggiori, perché i Pir favoriscono chi fa stock picking, cioè chi seleziona accuratamente i titoli in portafoglio. I Pir stanno però diventando noti anche per i costi. Che però variano molto da gestore a gestore.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

I costi e lo stile di gestione rappresentano due degli aspetti più rilevanti da tenere in considerazione per un investimento. I Pir non fanno eccezione

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta