Finanza e trasparenza nelle comunicazioni, perché bisogna continuare a parlarne

L’indagine di Moneyfarm e School of Management del Politecnico di Milano sulle comunicazioni in ambito finanziario: a fronte di una scarsa educazione in Italia sull’argomento, la normativa MiFID II è importante a maggior ragione

Moneyfarm

Troppi gli intermediari che finora hanno agito in maniera non sufficientemente chiara verso i propri clienti, troppo poca la consapevolezza finanziaria degli investitori nel momento in cui approcciano le operazioni di investimento: questo è quanto emerso dall’indagine di Moneyfarm e della School of Management del Politecnico di Milano dopo l’approvazione di MiFID II, la normativa comunitaria che impone la trasparenza nelle comunicazioni di costi e oneri agli operatori del mondo degli investimenti. Una ricerca che racconta molto dello stato dell’arte di questo mondo, e che sottolinea la necessità di agire nella direzione di una maggiore educazione finanziaria per i cittadini. Non a caso, infatti, la ricerca ha conquistato l’attenzione della stampa: di recente se ne è parlato anche su Radio Capital. A questo link è disponibile l’intera puntata: https://www.capital.it/programmi/le-belve/podcast/podcast-del-16-11-2019/.

Continua a leggere su Moneyfarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta