Camillo di Christian RoccaArchivio blog – Aprile 2005

Raccolta mensile del blog

What’s the matter with Dust in the Wind?

Stasera al BB King Blues Club c’è un concerto dei Kansas, e io sono commosso.

30 aprile


E’ pronta per Rep.

Maureen Dowd oggi ha davvero toccato il fondo. Il suo editoriale su Chalabi nelle prime dieci righe contiene altrettante falsità. Non perché lo chiami “il ladro di Baghdad” o “il ciarlatano” o perché scriva altre fesserie tipiche degli editoriali sul Cav. No, ha scritto proprio cose false. Alla prima riga fa una battuta: “The iraqis has thrown us another curveball”. Ma non è soltanto un’immagine presa dal baseball. E’ un’altra cosa. Nei mesi scorsi la Cia ha fatto intendere che l’informatore sulla presenza delle armi in Iraq fosse un iracheno nome in codice curveball. Per mesi tutti hanno scritto che Curveball era Chalabi.Bene. Solo che non era vero. E lo ha stabilito il rapporto di 600 pagine della commissione indipendente Robb-Silberman:
“Despite speculation that Curveball was encouraged to lie by the Iraqi National Congress (INC), the CIA’s post-war investigations were unable to uncover any evidence that the INC or any other organization was directing Curveball to feed misleading information to the Intelligence Community. Instead, the post-war investigations concluded that Curveball’s reporting was not influenced by, controlled by, or connected to, the INC”.
E poi: “In fact, over all,” the Robb-Silberman report concluded, “CIA’s postwar investigations revealed that INC-related sources had a minimal impact on prewar assessments.
Ce ne sono molte altre di stupidaggini nell’articolo (qui un articolo di Max Boot mette insieme tutti i miti contro Chalabi).
Dowd continua. E scrive che Chalabi ha fornito prove false. Il rapporto bipartisan dice che non è vero. E peraltro spiega che Curveball non era in mano americana, ma una fonte dei servizi tedeschi. Ma Dowd fa finta di niente. Ripete altre accuse mille volte spiegate e smentite e scrive che “gli Stati Uniti hanno pagato milioni di dillari il condannato amico dei neocon per dire a Bush quello che Bush voleva sentire”, ma non dice che i soldi a Chalabi li ha dati Bill Clinton con l’Iraqi Liberation Act. E così via.

30 aprile


“Chalabi non ha alcun seguito in Iraq”

Vi ricordate il vecchio mantra in voga a sinistra, al dipartimento di stato, alla cia e molto popolare anche tra i blog e sui giornali italiani? Bene: era una minchiata, come qui è stato scritto centinaia di volte. Ahmed Chalabi è il nuovo vicepremier dell’Iraq democratico nonché il Ministro a interim di una sciocchezzuola come il Petrolio.

30 aprile


Il rivoluzionario

Bush è in difficoltà sulla Social Security, ma ora usa un’idea di sinistra per convicnere l’America a privatizzare le pensioni.

30 aprile


The Pajamas Media Cospiracy

E’ nata un’aggregazione di blog guidata dai più potenti bloggers americani per accaparrare pubblicità. Aperta l’adesione ai blog stranieri. E’ un consiglio per Tocqueville.

30 aprile


Il Galles è il nuovo Ohio

Monmouth come Clark County, fantastica presa per i fondelli della ridicola campagna del Guardian in occasione del voto americano.

30 aprile


Non ho mai visto un’idiozia simile (e ne ho viste parecchie)

La Festa dei Vicini di Casa, organizzata dal sindaco Walter Veltroni.
(Il Foglio ne scrisse dieci giorni fa)

30 aprile


Comunità delle democrazia

La riunione a Santiago. L’approfondimento del bravissmo Federico Punzi di Radio Radicale. (grazie a Fabrizio)

30 aprile


Il pessimista col sorriso

Il miglior articolo sul contributo di Irving Kristol alla politica e alla cultura americana è stato scritto da Charles Krauthammer sul Washington Post. (Il Foglio ne ha scritto qua, a margine del testo di Kristol scritto in chiusura di The Public Interest)

29 aprile


Ho visto e-mail che voi umani

E-mail, bugie e manovre intorno al caso Bolton

28 aprile


Come Bordin, però telematico (Link CORRETTO)

La newsletter-rassegna stampa quotidiana di Notizie Radicali è un vero e proprio giornale, ed è imperdibile. Il direttore è Gualtiero Vecellio, con la funambolica presenza di Daniele Capezzone.

28 aprile


Passeggiate washingtoniane

Patriot Duck
Assembramento davanti alla Casa Bianca, lato giardino delle rose. Persone, polizia, due file di transenne. Mi avvicino. C’è un’aiuola. Con un cartello: “Attenzione, un’anatra sta facendo il suo nido. Non datele da mangiare. Non spaventatela”.
Free Refill
A differenza di New York (eccezion fatta per i cinema Loews), a Washington quando finisci il bicchiere di coca cola te ne danno subito un altro. Quindi fate attenzione: il cameriere che si avvicina quatto quatto e come Arsenio Lupin vi sottrae il bicchiere con quel bel fondo di coca e quel ghiaccio con il quale ancora pensavate di fare “ussrr-ussrr” con la cannuncia, non è un avversario: è un amico.
Taxi, tell it
A Roma i tassisti ascoltano le radio dei fondamentalisti roma-lazisti, a Washington ascoltano Charlie Parker. A volte sembrano loro stessi Charlie Parker
i-Badge
Manhattan la riconosci perché tutti indossano le cuffiette bianche dell’iPod, Washington dai badge degli edifici federali che tutti, ma proprio tutti, portano al collo.
Annuncio
Cartello davanti all’Fbi: “Il Palazzo non potrà essere visitato prima del 2006”.
Let’s go Nats
A Washington sono diventati matti per il ritorno in città, dopo 34 anni, del baseball. Sono andato a vedere la partita dei Nationals in uno degli stadi più brutti, ma gloriosi, d’America: il RFK. Risultato: 2 hot dog, un cappellino, una maglietta. Poi sono uscito, stremato, al sesto inning.
Liberalizzazione senza freni
I treni superveloci Acela dell’Amtrak, quelli che collegano New York e Washington, sono stati ritirati. Avevano tutti i freni rotti. E la società che li aveva prodotti non esiste più.

28 aprile


Neanche Jimi Hendrix

La cantante canadese Caroline Marcil avrebbe dovuto cantare l’inno americano (e poi quello canadese) in diretta tv prima dell’inizio di una partita di hockey Usa-Canada. Ha cominciato, ma s’è dimentica le parole. Ci ha riprovato, ma non ce l’ha fatta. Allora è corsa in camerino a prendere un foglio con il testo. Tornata di corsa sul campo è scivolata ed è finita per terra, dove per alcuni lunghi secondo è rimasta immobile. Fattasi una certa ora, le due squadre hanno iniziato a giocare facendo a meno dell’inno.

28 aprile


In Your Honor

Il nuovo singolo dei Foo Fighters spera di avere maggiore successo della persona in onore del quale è stato scritto: John Kerry

28 aprile


Augustus Imperator Square

Lunghissimo articolo del New Yorker su Rutelli, Veltroni, Sgarbi e la battaglia decennale per l a risistemazione di Piazza Augusto Imperatore in Roma

28 aprile


Se non ora, quando

Caso Calipari, martedì, Carlo Bonini, su Repubblica: “Ora è finita per davvero”

Caso Calipari, mercoledì, titolo di Repubblica: “Indagine ancora in corso”.

27 aprile


“Non la chiamerei un’assoluzione”

Paul Volcker sulla sua inchiesta e le critiche a Kofi Annan. Sul Foglio di oggi un’anticipazione di questo libro. Non l’avete ancora comprato? Ordinatelo qui, specificando: Camillo

27 aprile


Novità: libri, film e piece teatrali affrontano la vita al tempo della clonazione

Romanzo di Ishiguro, produzione di Hollywood e spettacolo a Broadway: ma allora non è una fissazione del Foglio

26 aprile


Non ditelo alla Bignardi

26 aprile


A giugno arriva la Coca Cola Zero, poi la Diet Coke with Splenda (che non so cosa sia)

Dopo i grandi successi della New Coke, della Coca alla vaniglia, della C2, della Diet Coke with Lime, della Diet Coke with lemon eccetera, ecco pronte le nuove bevande avveniristiche che ricordano l’Inter di Orrico.

26 aprile


Charles Krauthammer cerca assistente. Help Wanted

Contributing editor Charles Krauthammer is seeking a research assistant. Send a résumé to [email protected].

26 aprile


MaDo


Maureen Dowd ha fatto due cose nel weekend. Una molto bella, una un po’ così. Quella bella è la lunga recensione del libro e delle peripezie di Jane Fonda. Esilarante. L’ultima riga spiega tutto: “Se solo Henry Fonda l’avesse abbracciata” tutto questo non sarebbe successo. La seconda è centrata su un plagio. Ha scritto una column sciocchina sul nuovo Papa, definendolo il Dick Cheney, ma senza citare la fonte (che non è Il Foglio, ma il New York Observer) PS
In realtà forse è una vendettina con l’Observer che mercoledì ha pubblicato un articolo sulla riorganizzazione della pagina degli editoriali del Times. A Maureen hanno tolto il giorno migliore, cioè la domenica. E, peraltro, mettendola al sabato (il giorno peggiore) le hanno pure affiancato il nuovo editorialista, John Tierney (il conservatore libertarian che ha preso il posto di William Safire). Ebbene, scrive pettegolo l’Observer, Tierney è l’ex fidanzato di Maureen

25 aprile


Una boiata pazzesca

L’amministratore della Pbs (la rispettata – e noiosa – tv pubblica americana) smonta il mito del proprio telegiornale, News Hour with Jim Lehrer: “Yes, Lehrer is good, but I don’t watch a lot of broadcast news. The problem for me is that I do the Internet news stuff all day long, so by the time I get to the Lehrer thing . . . it’s slow. I don’t always want to sit down and read Shakespeare, and Lehrer is akin to Shakespeare. Sometimes I really just want a People magazine, and often that is in the evening, after a hard day”. E non ascolta neanche l’amatissima (dai liberal) radio pubblica Npr: “No. I do not get a lot of public radio for one simple reason. I commute to work on my motorcycle, and there is no radio access”. Ora pensate che cosa sarebbe successo in Italia se queste cose le avesse detto il direttore generale della Rai di turno.

25 aprile


Liberazione

25 aprile


Oltre l’Onu

23 aprile


Powell contro Bolton

Torna (forse) la dialettica falchi-colombe

23 aprile


Michele Oriancoulter Serra

Incredibile ma vero. Su Repubblica Michele Serra, once in a lifetime, esce dal coro del fighettismo, scrive una cosa “scorretta”, difende chi vuole trasmettere il film di Van Gogh, critica l’Europa, i pacifisti e la sinistra e – zumpa-pà-pà-zumpa-pà-pà – dice che la Fallaci rischia di avere ragione… (Deve aver fatto un giro allo zoo dell’orrido sito, comunque complimenti sinceri). “L’integrismo musulmano non sembra limitarsi a protestare. Minaccia di uccidere e uccide. Terrorizza. Ma allora la domanda è, e non può che essere: basta un rischio infinitamente più grave, un ricatto così odioso ed esiziale, a giustificare il penoso arretramento del coraggio democratico? O non è piuttosto proprio la gravità della sfida, l’intollerabilità di un bavaglio imposto a fil di coltello, a suggerire di rialzare la testa, di organizzare una risposta politica e culturale all’altezza? Oppure quanto più violenta è la reazione dell’oscurantismo, quanto più flebile e impaurita dev’essere la risposta? Se gli europei pacifici e aperti confondono la remissività (specie su principi non sindacabili come la libertà) con la tolleranza, la debolezza con il dialogo, diventa poi ridicolo lamentarsi quando nel campo abbandonato della lotta civile trovano ampio spazio le pattuglie xenofobe e i radicalismi “neocristiani”. (…) Ma come diavolo si può partecipare a quel dibattito (e a qualunque  altro) se si trascurano del tutto le più elementari incombenze del proprio campo? Forse che non esistono più «umili lavoratori della vigna della libertà>, disposti anche a rischiare qualcosa pur di battersi per la dignità e la sicurezza dei cittadini europei? Che sia questo il famoso “relativismo etico”, questo posporre i principi alla convenienza, l’orgoglio della libertà alla paura, la difesa dell’integrità fisica e intellettuale delle persone a un malinteso (molto malinteso) “dialogo con l’islam”? Ma allora, scusate, rischia di avere ragione la Fallaci quando inveisce contro l’Occidente “senza palle”. (…) A meno di voler credere, e sarebbe la peggiore delle ipotesi, che l’argomento stesso di Submission (la liberazione e la dignità del corpo femminile) sia ancora, perfino per gli illuministi rinati dell’Europa moderna, un dettaglio così trascurabile da non meritare urti indesiderati con il già minaccioso estremismo musulmano”.
Chissà nello zoo…

22 aprile


Seymour Hersh, il grande giornalista liberal che rivendica il diritto alla bugia

22 aprile


Cose che voi umani

Oggi ho ricevuto da un ufficio stampa la seguente e-mail:
“In occasione della pubblicazione del suo nuovo singolo ” IL VIAGGIO” e per festeggiare il suo compleanno TERRY SCHIAVO
ti aspetta Giovedi 5 Maggio al Cafe’ Real, via Merlo 1
R.S.V.P.
Ricordati di stampare questa mail per l’ingresso”

22 aprile


Problemi dell’informazione

Ennio Caretto, ieri, sul Corriere: “A nome dei suoi più accesi sostenitori, i Neocon, ha parlato Tom DeLay, il capogruppo repubblicano alla Camera” (segnalato da Umberto)
Arturo Zampaglione, oggi su Repubblica, “Bolton, un falco neocon”

21 aprile


Il nuovo Papa? Il Cheney del Vaticano

I giornali americani e Benedetto, Dick, XVI

21 aprile


“Bolton, un falco neocon”

Arturo Zampaglione, oggi su Repubblica.

21 aprile


Giacinto l’Unico

Ci siamo presi pure Pannella

21 aprile


Tovarich Condi, si candida a presidente?

Da…Niet, niet, niet,niet, niet, niet, niet
Condi Rice fa un po’ di casino rispondendo in russo a un’intervista con una radio di Mosca.

21 aprile


Mio cugino

Quest’anno l’Inter è pronta a tutto, davvero a tutto, pur di far vincere ai cuginetti sia Coppa sia campionato

21 aprile


Il Cubo e la Cattedrale

George Weigel, il Kagan cattolico, spiega perché il laicismo uccide l’Europa

20 aprile


Ratzy

Dopo Wolfowitz alla Banca Mondiale e Bolton all’Onu mi pare che Joseph Rumsfeld in Vaticano sia una scelta perfetta.

19 aprile


Mi chiedo


Perché spendere milioni e milioni in sondaggi quando è sufficiente un euro per comprare Il Foglio del giorno prima?

19 aprile


Soggetto non identificato s’aggira tra i cowboy. S’ispira a Tocqueville e viene preso a sputi

Negli Usa pochi riconoscono Bernard-Henry Lévy, la sua camicia bianca e i suoi capelli perfettamente spettinati. Cronaca di un viaggio in America sulla scia del grande predecessore francese

19 aprile


I neocon hanno vinto, ecco perché laloro rivista può chiudere

Sul Foglio l’ultimo articolo di Irving Kristol su The Public Interest

19 aprile


L’umoralista

Non essendoci in giro articoli della Fallaci, oggi Michele Serra vomita addosso ad Ann Coulter. E’ fatto così, l’umoralista republicones: è convinto in quanto ex comunista di essere superiore antropologicamente a ogni altro essere umano non ex, post, neo-comunista. Potranno piacere o no, le cose che dice la simpatica Ann. A me, per esempio, non piacciono. Ma se fossi stato comunista, un comunista convinto, e se oggi fossi uno spretato inacidito perché tutto quello in cui ho creduto è fallito e ha creato soltanto miseria e morte, cioè se fossi come Michele Serra, be’ avrei un po’ di pudore ad accusare gli altri per le loro balzane idee. Quantomeno terrei il freno a mano tirato, ecco. Perché per quanto balzane o mostruose possano essere le idee altrui, se fossi l’umoralista dovrei sapere che non c’è pensiero più balzano e più mostruoso di quello in cui io-Michele-Serra ho creduto.

19 aprile


Neo Ann, same Rep

Ann Coulter come sa chiunque abbia mai letto un suo articolo, un suo libro, una sua dichiarazione non è affatto una neocon (“No, sono gentile” – rispose lei con battuta un po’ antisemita al New York Observer). Però siccome è cattiva, Rep ha sentito il dovere di titolare: “Il simbolo sexy dei neo-con”.
Stavolta il Corriere si è astenuto.

19 aprile


Assumi pose inesplose*

Ann Coulter s’è incavolata col fotografo di Time. Time però ha scelto quel fotografo e quella posa che ad Ann non è piaciuta perché sono lo stesso fotografo e lo stessa posa… be’ guardate voi.
* Ignoranti: è una citazione di una delle più belle canzoni di Battisti, periodo Panella naturalmente.

19 aprile


I non-azzurri

Mi pare che ci sia in giro una squadra che canta vittoria prima ancora dell’inizio del campionato. Non è l’Inter.

19 aprile


Quei fascisti di Time…

Si permettono di mettere Ann Coulter in copertina

19 aprile


Riunione di condominio

C’è una co-op dell’East Village dove abitano Chloe Sevigny, il chitarrista degli Smashing Pumpkins, lo scultore Robert Gober e l’attrice Parker Posey.

19 aprile


No, “Perlasca” al New York Times non è piaciuto

“It is sad that his memory has fallen victim to inept filmmaking and that his story has been rendered so curiously unmoving”. La critica del New York Times fa a pezzi storia, regia e recitazione di Perlasca.

17 aprile


Ma allora è un complotto!

Riccardo Muti ha diretto la Filarmonica di New York, dopo le dimissioni alla Scala. Ha chiesto silenzio e di non applaudire tra un pezzo e l’altro, ma poco prima del finale ha cominciato a suonare un telefonino.

17 aprile


Fede e giustizia

La guerra culturale apre il fronte politico-giudiziario: i liberal provano a bloccare i giudici di Bush

16 aprile


“Sort of Chrissie Hynde meets Toni Braxton”

La nipote newyorchese di Bin Laden, Wafah, ama l’America e descrive così la sua musica.

14 aprile


Signor giudice della Corte Suprema, do you sodomize your wife?

Antonin Scalia ha preferito non rispondere.

14 aprile


Capisci a me

Brigitte Nielsen ha partecipato a un talkshow londinese e ha preso a male parole la conduttrice. In italiano.

14 aprile


Let’s go out to Capitol Hill

Oggi debuttano i Washington Nationals Il baseball torna nella capitale con un una squadra nuova di zecca. Il Washington Post di oggi dedica all’evento un centinaio di articoli. E il primo editoriale.

14 aprile


Ci sono ancora le stagioni di una volta

Sono tornati i Matt Bianco

14 aprile


Martin Amis e Ian McEwan giù le mani da Saul Bellow

Strana invettiva anti inglese del direttore del New York Observer, James Kaplan: “Bellow è nostro, non provate a toccarlo”.

14 aprile


24 meets Desperate Housewives

Eva Langoria nella realtà ha lasciato il giocatore di basket dei San Antonio Spurs, Tony Parker, e si è fidanzata con Butch Klein, l’agente Eric Richard di 24.

14 aprile


Disperate

Le ragazze si odiano, specie Teri Hatcher e Marcia Cross. Teri arriva
sempre sui set fotografici in anticipo e ruba i migliori vestiti e non
vuole mai essere fotografata in mezzo alle altre. Su Vanity Fair
americano (ma forse anche quello italiano) c’è l’esilarante
cronaca della seduta fotografica (sono sulla copertina di maggio).

14 aprile


The Character Assassination of John Bolton

Di Bill Kristol

14 aprile


Io l’avevo detto

che è una squadra scarsuccia. Però, almeno, non usa fumogeni

13 aprile


Intervista a Oriana Fallaci

Sul Foglio di domani, mercoledì, una luuunga intervista a OF a partire dal caso di Terri Schiavo. Per una volta non metterò online così sarete costretti a comprare Il Foglio

12 aprile


My Sharona

Bush sul suo iPod sente My Sharona di The Knack

11 aprile


Rivoluzione al New York Times

Dopo 35 anni cambiano le pagine degli editoriali e, scandalo, cambia anche il programma di uscita delle columns(David Brooks ora c’è il giovedì e la domenica). Martedì debutta il sostituto di Safire, John Tierney.

10 aprile


It is important

“But it is important to realize that most of the worst post-Sept. 11 abuses did not stem from the Patriot Act”. Il New York Times, tre anne e mezzo dopo scrive un lungo editoriale con cui spiega che il Patriot Act non è perfetto (e va modificato) ma non c’entra niente con Guantanamo, le torture, le violazioni dei diritti civili eccetera. Le accuse al Patriot Act, leggete, sono ridicole. Chissà se quelli che mi avevano dato di fascista quando avevo scritto questo e altri articoli simili cambieranno idea ora che glielo dice la loro Bibbia liberal.

10 aprile


Il prossimo Bush, anzi i prossimi due

7 aprile


Ci sono, ci sono

Non sono sparito né abbattuto per la batosta al Cav, anzi. Penso, come Pannella, che a voler seguire i Follini e i Buttiglioni si finisca così. Sono a New York. Dalla settimana prossima riprendo.

6 aprile


Dichiarazione di (non) voto alle Regionali in Lombardia

Non voto per i preti né per i comunisti né per i fascisti di ogni genere e colore, tantomeno voto per chi ha sostenuto il regime di Saddam. Non voto, quindi.

3 aprile


Gadget ravvicinati del terzo tipo

Le grandi iniziative di Panorama
Dall’8 aprile in dvd “Spielberg collection”, film del regista americano (Schindler’s list, Salvate il soldato Ryan, Always, Prova a prendermi, Il colore viola)
Il grande spettacolo dell’Espresso
Dall’8 aprile in dvd “I capolavori di Spielberg”, film del medesimo regista americano (Amistad, Duel, Jurassic Park, Lo Squalo, Minority report, Incontri ravvicinati del terzo tipo)
Forse stanno esagerando.

1 aprile


La strategia pro democracy di Condi Rice

Un rapporto del Dipartimento di Stato e un progetto di legge bipartisan per esportare la libertà

1 aprile


Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter