Radical Cafele primarie controcostituzionali

All'ultima direzione Pd Bersani ha lanciato le primarie per la selezione del candidato premier dei "progressisti e dei democratici" lasciando la porta aperta a due opzioni: primarie del Pd o primar...

All’ultima direzione Pd Bersani ha lanciato le primarie per la selezione del candidato premier dei “progressisti e dei democratici” lasciando la porta aperta a due opzioni: primarie del Pd o primarie del centrosinistra. In ogni caso c’è qualcosa che non va: il centrosinistra non si sa bene, ad oggi, cosa sia, quale sia il suo programma e le forze politiche che lo compongono; il Pd, da statuto, prevedede che il candidato premier sia il segretario per cui le primarie di partito sono previste in ambito congressuale ergo Renzi si dovrebbe candidare alla segreteria e il Pd dovrebbe fare un congresso.

In ogni caso, in puro stile italico, si dovrà chiudere un’occhio di fronte a qualche regola e persino di fronte alla Costituzione ed infatti l’ articolo 92 dice chiaramente che è il Presidente della Repubblica a nominare il Presidente del Consiglio de ministri e non ci sono primarie che tengono. Inoltre contro l’ipotesi di riforma presidenzialista Bersani si è già espresso, perché la Costituzione non si modifica in fretta e furia, giustamente, però si può contraddirla in maniera palese, evidentemente. Anche se è “la più bella del mondo” come ama ripetere il segretario.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020