Gli Stati Uniti: abbiamo ucciso bin Laden

Gli Stati Uniti: abbiamo ucciso bin Laden

Il terrorista più ricercato, Osama bin Laden, è stato ucciso. L’annuncio è stato dato dal presidente americano Barack Obama, che ha rimarcato come ora «giustizia è stata fatta». Chiaro il riferimento all’attentato dell’11 settembre 2001. Il leader di Al Qaeda è stato assassinato da un piccolo plotone di Navy Seals, che hanno scovato Osama in Abbotabad, a 75 chilometri da Islamabad, in Pakistan. L’operazione, stando a quanto ha detto Obama, ha avuto l’ultimo briefing appena una settimana fa, in collaborazione proprio con Islamabad. Secondo una nota della Casa Bianca, la svolta è arrivata a strettissimo giro. «Il presidente Barack Obama ha dato venerdì mattina la luce verde alla operazione per uccidere Osama bin Laden. L’ordine era stato preceduto da almeno cinque riunioni in marzo e aprile in cui il presidente Obama aveva discusso con i suoi collaboratori i dati di intelligence su Osama», ha spiegato Washington.

Osama era in un’abitazione nella Valle di Orash, a nord di Islamabad. Costruita circa otto anni fa, era protetta da alte mure e diverse recinzioni, come hanno raccontato fonti pachistane all’Associated press. I 14 Navy Seals che sono intervenuti hanno trovato insieme al terrorista diverse donne e bambini. Il Pentagono ha confermato che si è trattata di «un’operazione particolarmente pericolosa», durante la quale un elicottero americano ha registrato un guasto meccanico. Oltre a Osama sono quattro i morti: un figlio di bin Laden, due messaggeri di Al Qaeda e una donna. Due gli aspetti singolari della vicenda, come hanno iniziato a ricordare i media. Il primo, riportato anche dal Pentagono, è sugli strumenti a disposizione del leader di Al Qaeda. «Il rifugio di Osama bin Laden non aveva collegamenti internet o telefonici», ha spiegato l’organo americano. Il secondo aspetto è il nascondiglio di Osama. «C’è stupore perché in molti si domandano cose potesse farci là bin Laden», ha detto in un commento GEO Tv. Infine, il cadavere: arriva solo un’immagine del corpo del terrorista e scatta il mistero. Dal Pentagono fanno sapere che è stato sepolto in mare secondo il rito islamico, ma non è nulla di definitivo. 

Subito dopo l’annuncio, una folla festosa ha iniziato a riversarsi nelle strade di New York e della capitale. La direzione è stata una sola, la Casa Bianca. Bandiere a stelle e strisce, l’inno nazionale e quel motto, «Yes, we can», in testa a tutti i manifestanti. Proprio questa reazione ha lasciato un po’ di amaro in bocca ai Repubblicani, dato che c’è già chi pensa che dietro a tutta l’operazione ci sia solamente una mossa politica in vista delle elezioni presidenziali 2012. Obama infatti stava perdendo molto terreno negli ultimi sondaggi elettorali, sospinto al ribasso dalle scelte di politica monetaria e dalla crisi occupazione che ancora affligge gli Stati Uniti.

Quello che è certo è che anche colui che ha iniziato la guerra al terrorismo, il presidente George W. Bush, ha voluto complimentarsi con Obama. «È stato un successo formidabile», ha detto. «La lotta contro il terrorismo prosegue, ma stanotte l’America ha inviato un messaggio chiaro – ha detto Bush -. Non importa quanto tempo possa occorrere, ma giustizia sarà fatta». Un messaggio che è sulla stessa linea d’onda di quello di Obama.

Anche sui social network è esplosa la gioia. Sia Twitter sia Facebook hanno fin dai primi istanti dopo l’annuncio a rilanciare la notizia e ora, specialmente il social network da 140 caratteri, non lascia spazio ad altre notizie. Tutto è focalizzato sulla morte di Osama bin Laden. E sono già cominciati gli sberleffi al numero uno di Al Qaeda, ma anche a Obama. «Donald Trump demands Osama Bin Laden’s death certificate», tweetta qualcuno ricordando la richiesta del certificato di nascita del presidente statunitense avanzata dal finanziere.

Sotto il profilo economico, la notizia della morte di Osama ha avuto molto eco nei mercati finanziari asiatici. L’indice di Tokyo ha brindato facendo registrare una sensibile ripresa, prossima all’1,50 per cento. Anche i futures sull’indice americano S&P 500 sono stati colpiti positivamente dall’annuncio, dato che finora sono a quota +0,5 per cento. Forte la risposta del dollaro statunitense, che ha guadagnato terreno contro tutte le divise mondiali. Nel cross contro lo yen giapponese il biglietto verde passa di mano a 81,48, contro gli 81,15 di venerdì scorso. In declino euro e sterlina, rispettivamente a quota 1,479 e 1,666. La morte di Osama ha fatto inoltre crollare le quotazioni di argento, meno 13%, e petrolio, quasi un punto percentuale.  

How U.S. forces killed Osama bin Laden da Cnn.com

(CNN) — In the dark of night, U.S. helicopters approached a high-walled compound in Pakistan on a mission to capture or kill one of the world’s most notorious terrorist leaders.

Less than 40 minutes later — early Monday morning in Pakistan — Osama bin Laden was dead, along with four others inside the complex, and the U.S. forces departed with the slain al Qaeda leader’s body to fulfill a vow that originated shortly after the September 11, 2001, terrorist attacks on the United States.

Speaking from the White House Sunday night, U.S. President Barack Obama announced the successful raid. Senior administration officials provided further details on the assault on the compound they believe was built five years ago for the specific purpose of hiding bin Laden.

The compound is in Abbottabad, about 50 kilometers (31 miles) north of the Pakistani capital of Islamabad. The city sits in a mountainous region of Pakistan and is not heavily populated. Many of the residents are army personnel.

While senior administration officials would not offer a breakdown of the U.S. mission’s composition, a senior defense official said U.S. Navy SEALs were involved.

After years of intelligence work and months of following a specific lead, they traced a courier linked to bin Laden to the compound in Abbottabad.

When first built, the compound was secluded and reachable by only a dirt road, the officials said. In recent years, more residences built up around it, but it remained by far the largest and most heavily secured property in the area, they said.

The mission ordered Friday by Obama encountered outer walls up to 18 feet tall topped with barbed wire, with two security gates and a series of internal walls that sectioned off different portions of the compound, the senior administration officials said. The main structure was a three-story building with few windows facing the outside of the compound, and a third-floor terrace had a seven-foot privacy wall, they said.

Months of intelligence work determined that the compound was custom-built to hide a high-value terrorism suspect, almost certainly bin Laden. The officials noted there was no telephone or Internet service at the dwelling, which was valued at more than $1 million, and its occupants burned their trash, rather than leave it out for collection like other area residents.

Calling the U.S. operation a surgical raid, officials said it was conducted by a small team and designed to minimize collateral damage. Upon landing, the team encountered resistance from bin Laden and three other men that resulted in a firefight.

In the end, all four of the combatants in the compound were dead, along with a woman whom one of the men used as a human shield, the officials said. Sources said bin Laden was shot in the head.

At some point, one of the assaulting helicopters crashed due to a mechanical failure, according to the officials. It was destroyed as the U.S. team flew away, they said.

Obama and the senior administration officials said no U.S. forces were harmed in the operation, which took place very early Monday morning Pakistan time.

U.S. officials said they used a number of methods to identify the body as bin Laden.

One official said it was clear to the assault force that the body matched bin Laden’s description, but they used “facial recognition work, amongst other things, to confirm the identity.”

A senior national security official told CNN that they had multiple confirmations that the body was bin Laden, saying they had the “ability to run images of the body and the face.”

Another U.S. official told CNN that bin Laden has already been buried at sea. The official said his body was handled in the Islamic tradition, but did not elaborate.

A senior administration official also said bin Laden’s body would be “handled in accordance with Islamic practice and tradition. This is something that we take very seriously, and so therefore this is being handled in an appropriate manner.”

According to the senior administration officials, intelligence work determined at the beginning of 2011 that bin Laden might be located at the compound in Pakistan. By mid-February, the intelligence was considered strong enough to begin considering action pledged by Obama when bin Laden’s whereabouts had been determined.

To discuss that intelligence and develop a plan, Obama chaired five National Security Council meetings from mid-March until late April, with the last two on April 19 and April 28 — last Thursday. The next day, on Friday, Obama gave the order for the mission, the officials said.

The key break involved one of the few couriers trusted by bin Laden, according to the officials. About two years ago, intelligence work identified where the courier and his brother lived and operated in Pakistan, and it took until August of last year to find the compound in Abbottabad raided Sunday, they said.

“When we saw the compound where the brothers lived, we were shocked by what we saw — an extraordinarily unique compound,” one senior administration official said. “The compound sits on a large plot of land in an area that was relatively secluded when it was built. It is roughly eight times larger than the other homes in the area.”

Noting that the courier and his brother had no discernible source of wealth to live at such a property, intelligence analysts concluded the compound was “custom-built to hide someone of extraordinary significance,” the official said, adding: “Everything was consistent with what experts thought Osama bin Laden’s compound would look like.”

Another senior administration official told reporters that Obama’s administration did not share intelligence gathered beforehand with any other country — including Pakistan — for security reasons. The official said that only a small group of people inside the U.S government knew about this operation in advance.

However, a senior Pakistani intelligence official said members of Pakistan’s intelligence service, the ISI, were on site in Abbottabad during the operation. There was no way to immediately resolve the apparent discrepancy.

(CNN) — A look back at some key moments in the life of al Qaeda leader Osama bin Laden, including attacks that he was purportedly behind and messages attributed to him.

Timeline: Osama bin Laden, over the years da Cnn.com

* 1957 — Osama bin Muhammad bin Awad bin Laden is born in Riyadh, Saudi Arabia. He is the 17th of 54 children fathered by Muhammad Awad bin Laden, a Yemeni immigrant who built a billion-dollar construction company in Saudi Arabia. His mother is Hamida al-Attas, from Syria.

* 1979– Bin Laden graduates from King Abdul Aziz University in Jeddah with a degree in public administration and economics. He goes to Afghanistan to join the “jihad,” or “holy war,” against the Soviet Union. He remains there for a decade, using construction equipment from his family’s business to help the Muslim guerrilla forces build shelters, tunnels and roads through the rugged Afghan mountains, and at times taking part in battle.

* 1980 – 1989– Bin Laden raises money for the mujahedeen fighting in Afghanistan and also provides them with logistical and humanitarian aid. During these years, he also personally fights in battles against the Soviet Union.

* 1988– Bin Laden founds a group he names al Qaeda, which in Arabic means “the base.”

* 1989 — The Soviet Union withdraws from Afghanistan. Bin Laden returns to Saudi Arabia to work for the family construction firm, the Bin Laden Group.

* August 7, 1990 — Following the Iraqi invasion of Kuwait, U.S. troops arrive in Saudi Arabia in order to have a close base to eventually go after Iraqi leader Saddam Hussein’s troops. Bin Laden becomes outraged at the U.S. forces’ presence near the Muslim holy sites of Mecca and Medina.

* 1991– Bin Laden is expelled from Saudi Arabia by its regime. Eventually he and his followers relocate to Sudan, funded by assets that had grown to as much as $20 million, according to lawyers familiar with the family forture. In that African nation, al Qaeda begins to evolve into a terror network.

* December 1992 — U.S. forces land in Somalia, spearheading a U.N.-authorized humanitarian plan to bring in famine relief supplies. Part of their challenge is disarming the various warlords who control the country. Prosecutors charge that bin Laden threw himself into the conflict, sending some of his followers to Somalia to train the warlords to fight the U.S. troops.

* February 26, 1993– A bomb explodes at the World Trade Center in New York City, killing six and wounding hundreds. Six Muslim radicals, who U.S. officials suspect have links to bin Laden, are eventually convicted for the bombing. Bin Laden is later named along with many others as an unindicted co-conspirator in that case.

* October 1993 — Eighteen U.S. servicemen, all of them part of a humanitarian mission to Somalia, are killed in an ambush in Mogadishu. Bin Laden later says that some Arab Afghans were involved in the killings and calls Americans “paper tigers” because they withdrew from Somalia shortly after the soldiers’ deaths.

* 1994 — The Saudi government officially strips bin Laden of his citizenship, freezing all the remaining assets he has in the country. His family disowns him as well.

That same year, bin Laden is the target of an assassination attempt. Afterward, he strengthens his personal security detail.

In the following months, officials believe he funds and directs a series of attacks, including a failed attempt to kill Egyptian President Hosni Mubarak and a 1995 suicide bombing at the Egyptian embassy in Pakistan. Authorities now believe that this marked the early days of a growing alliance between bin Laden and other militant Islamic groups, including the Egyptian Islamic Jihad and its leader Ayman al-Zawahiri.

* 1995 — A truck bombing at a military base in Riyadh, Saudi Arabia, kills five Americans and two Indians.

* 1996 — Sudanese officials expel bin Laden from their country. He moves with his children and three wives to Afghanistan, where he receives support from the fundamentalist Taliban regime.

That year, U.S. authorities indict bin Laden on charges he helped train the people involved in the 1993 attack that killed 18 U.S. servicemen in Somalia.

* June 25, 1996– Nineteen U.S. soldiers die in a bombing of the Khobar military complex in Saudi Arabia.

* August 23, 1996– Bin Laden declares a holy war against U.S. forces. He signs and issues a declaration of jihad from Afghanistan entitled, “Message from Osama bin Laden to his Muslim Brothers in the Whole World and Especially in the Arabian Peninsula: Declaration of Jihad Against the Americans Occupying the Land of the Two Holy Mosques; Expel the Heretics from the Arabian Peninsula.”

* 1997 — In his first interview with Western media, bin Laden tells Peter Bergen — now a CNN analyst — that the United States is “unjust, criminal and tyrannical.” “The U.S. today, as a result of the arrogant atmosphere, has set a double standard, calling whoever goes against its injustice a terrorist,” he said in the same interview. “It wants to occupy our countries, steal our resources, impose on us agents to rule us, and then wants us to agree to all this. If we refuse to do so, it says we are terrorists.”

Bin Laden also says that “Arab holy warriors” trained in Afghanistan had banded with Somali Muslims in October 1993 to kill 18 U.S. soldiers in a bloody battle on the streets of Mogadishu, Somalia.

* February 1997– According to court documents, bin Laden orders the militarization of the East African cell of al Qaeda, a move that culminated in the bombing of the U.S. embassies in Kenya and Tanzania on August 7, 1998, eight years to the day after U.S. troops landed in the Saudi kingdom.

* 1998– Bin Laden’s al Qaeda and the Egyptian Islamic Jihad, led by Ayman al-Zawahiri, merge, according to U.S. prosecutors.

* February 1998– Bin Laden and al-Zawahiri endorse a fatwa under the banner of the “International Islamic Front for Jihad on the Jews and Crusaders.” This fatwa, published in the newspaper, Al-Quds Al-Arabi, on February 23, 1998, states that Muslims should kill Americans — including civilians — anywhere in the world.

* May 7, 1998– Bin Laden associate Mohammed Atef sends Khaled al Fawwaz a letter discussing the endorsement by bin Laden of a fatwa issued by the “Ulema Union of Afghanistan” which termed the U.S. army the “enemies of Islam” and declared jihad against the United States and its followers. The fatwa is subsequently published in Al-Quds Al-Arabi.

* May 29, 1998 — Bin Laden issues a statement entitled “The Nuclear Bomb of Islam,” under the banner of the “International Islamic Front for Fighting the Jews and Crusaders.” In it, he states that “it is the duty of Muslims to prepare as much force as possible to terrorize the enemies of God.”

* August 7, 1998 — A pair of truck bombs explodes outside the U.S. embassies in Nairobi, Kenya, and Dar es Salaam, Tanzania. Some 224 people are killed.

* November 1998 — Bin Laden is indicted in the United States on 224 counts of murder — one for each death in the U.S. Embassy bombings in Kenya and Tanzania.

* June 7, 1999– Bin Laden appears for the first time on the FBI’s Ten Most Wanted Fugitives list.

* May 2000 — Muslim separatist guerrillas who seized 21 hostages at a diving resort in Malaysia publicly announce that they are being supported by bin Laden.

* October 12, 2000 — Bin Laden is linked to the attack on the USS Cole in Yemen, which left 17 U.S. sailors dead and another 39 injured.

* 2000 — Algerian Ahmed Ressam pleads guilty in connection with a failed plot to bomb Los Angeles International Airport during the millennium celebrations. He claims he was trained in urban warfare and explosives at a camp in Afghanistan run by bin Laden.

* May 29, 2001– Four of bin Laden’s alleged supporters are convicted of the 1998 bombings of the U.S. embassies in Africa.

* August 14, 2001 — Bin Laden’s last statement prior to the September 11, 2001, terrorist attacks is given to Al Rai Al Aam newspaper.

* September 2001 — Four U.S. commercial aircraft are hijacked and then crashed in New York, Washington and Pennsylvania, killing more than 3,000 people. Soon thereafter, the U.S. government names bin Laden as a prime suspect.

* November 2001 — U.S. forces drop leaflets in Afghanistan offering a $25 million bounty for bin Laden.

* December 1, 2001– Hazarat Ali, security commander for Jalalabad, reports there was a bin Laden sighting on November 27 in the Tora Bora region. Hundreds of Afghan fighters with American and British Special Forces head to that area to launch a major assault.

* December 27, 2001– Afghan officials report that bin Laden is in Pakistan, along with al Qaeda sympathizers.

* January 18, 2002– Then-Pakistani President Pervez Musharraf says that Osama bin Laden might have died of kidney failure in Afghanistan after becoming separated from a dialysis machine he had used in recent years.

* February 15, 2002 — Reports go out to top levels of the U.S. government stating bin Laden survived the U.S. bombing assault on his alleged hideouts. They are vague and lack solid evidence that he could be near the Afghan-Pakistan border, such as sightings by witnesses or interception of radio transmissions with his voice.

* March 9, 2002– A Saudi-owned publication quotes one of bin Laden’s wives. The woman, identified only as A.S., said she “feels deep down that he’s still alive and that the whole world would have known if he had been killed. Osama’s death cannot be hidden.”

* May 17, 2002– A Saudi-owned newspaper publishes quotes from fugitive Taliban leader, Mullah Mohammed Omar in which he states, “Sheikh Osama is still alive, praise God, and this is causing anguish to (U.S. President George W.) Bush who promised his people to kill Osama, not knowing that lives are in the hands of God.”

* June 12, 2002– A Russian newspaper publishes what it claims is an interview with Omar. The ousted Taliban leader states that bin Laden is alive in Afghanistan. “Osama helped us during the war with the Russians, he would not leave us now,” the newspaper quotes Omar as saying. “The Holy War is only just beginning. The fire from this war will reach America, and it will burn the capital that launched an unjust attack on Muslims.”

* July 2002– Abdel-Bari Atwan, editor of the London-based Al-Quds Al Arabi newspaper, says the al Qaeda leader is in good health, but had been wounded in an attack on his base in Afghanistan last December. Atwan says that bin Laden’s followers had told him that he would not make more video statements until his group launches another attack on the United States.

* March 10, 2005– Muslim clerics in Spain issue what they called the world’s first fatwa, or Islamic edict, against Osama bin Laden. They called him an apostate and urged others of their faith to denounce him. The ruling is issued by the Islamic Commission of Spain, the main body representing the country’s Muslim community.

* October 2009– The book, “Growing Up bin Laden: Osama’s Wife and Son Take Us Inside Their Secret World,” written by Najwa and Omar bin Laden is published.

* December 2009 — A U.S. government official admits a “lack of intelligence” on bin Laden’s whereabouts, noting he could be in Afghanistan or Pakistan. Defense Secretary Robert Gates tells ABC that “it’s been years” since there was good intelligence on the al Qaeda leader’s location.

* January 29, 2010 — A man thought to be bin Laden is heard on two audiotapes, released in the span of a week. On the first, he claims responsibility for the alleged Christmas Day attempt by Nigerian national Umar Farouk AbdulMuttallab to blow up a Northwest Airlines plane as it neared Detroit, Michigan, from Amsterdam in the Netherlands.

On another tape — aired days later, also on Al-Jazeera — a similar voice blames the United States and other industrialized nations for causing climate change.

* March 2010 — An audiotape purportedly from bin Laden hints at retaliation if alleged 9/11 mastermind Khaled Sheikh Mohammed is executed in the United States.

* October 2010 — A message from someone thought to be bin Laden appears on jihadist forums urging Muslims to help people suffering from famine, floods, a lack of clean water and the effects of climate change. At the time, a U.S. official says that bin Laden has been in communication with al Qaeda affiliates within Pakistan and beyond, encouraging them to take more military actions.

Weeks later, a speaker in an audiotape — purportedly bin Laden — warns France to get its troops out of Afghanistan and not to oppress Muslims at home. “As you kill us, you will be killed,” the voice says. “As you imprison us, you will be imprisoned.”

* August 2010 — U.S. President Barack Obama is briefed on a “possible lead” about the location of bin Laden. Obama said nine months later that intelligence agents pressed to get more information in the subsequent months.

* January 2011 — A speaker claiming to be bin Laden warns French troops to leave Afghanistan — or else two French journalists abducted by militants there could be killed. The man warns France that its alliance with the United States could prove costly.

Around that time, U.S. authorities determine that Osama may be in a housing compound in Pakistan.

* March 2011 — President Obama chairs the first of a series of National Security Council meetings on a possible operation to target bin Laden. In time, he becomes more confident that the information on the terrorist leader’s whereabouts is credible and that the operation can be accomplished.

* April 29, 2011 — After meetings April 19 and April 28, President Obama gives the final order authorizing the mission.

* May 1, 2011 — “A small team of Americans” — with members of Pakistan’s intelligence service on site — engage in a firefight in Abbottabad, Pakistan, killing bin Laden in the process, according to Obama. The U.S. troops, none of whom are harmed in the operation, take custody of the al Qaeda leader’s body.

Aggiornamenti live

DNA CONFERMA CHE OSAMA BIN LADEN E’ STATO  UCCISO
(CNN) A DNA match confirms Osama bin Laden was killed in a U.S. operation, a senior administration official told CNN on Monday. There are also photographs of the body with a gunshot wound to the side of the head that shows an individual who is not unrecognizable as bin Laden, a U.S. government official said.
The mastermind of the September 11, 2001, terrorist attacks — the worst terrorist attacks on American soil — was killed by U.S. forces Monday in a mansion in Abbottabad, about 50 kilometers (30 miles) north of the Pakistani capital, Islamabad, U.S. officials said. Four others in the compound also were killed. One of them was bin Laden’s adult son, and another was a woman being used as a shield by a male combatant, the officials said.

16.19 BIN LADEN: SALAM FAYYAD, È LA FINE DI UN’ERA OSCURA  – (Adnkronos/Dpa) – Il primo ministro dell’Autorità Nazionale Palestinese, Salam Fayyad, ha accolto con favore la morte di Osama bin Laden. «Lo considero un mega, grande evento, una pietra miliare che segna la fine della vita di una persona coinvolta nel terrore e la distruzione- ha detto ai giornalisti a Ramallah – la nostra speranza è che segni l’inizio della fine di un’era oscura». La reazione di Fayyad si pone in netto contrasto con quella dell’ammnistrazione di Hamas nella Striscia di Gaza, che ha definito l’uccisione di bin Laden come «la prosecuzione della politica americana di atrocità».

16.06 BIN LADEN: EX CAPO ISI, NESSUNO POTEVA IMMAGINARE SUO NASCONDIGLIO = IL GENERALE HAMID GUL, ERA SOTTO IL NASO DEI MILITARI  (Adnkronos) – «Una scelta molto intelligente del nascondiglio, nessuno poteva sospettare che Osama fosse lì». Il generale Hamid Gul, ex capo dell’Isi, i servizi segreti pakistani, raggiunto dall’ADNKRONOS respinge i dubbi sulla possibile compiacenza dell’intelligence di Islamabad nei confronti del leader di Al Qaeda, ucciso dalle forze speciali Usa in un compound di Abbottabad, a poche decine di chilometri dalla capitale Islamabad. Per Gul, «non è sorprendente che l’Isi non sapesse» della presenza di Bin Laden, che si nascondeva «sotto il naso dei militari», in quella che è una città-guarnigione, dove è di stanza la Seconda divisione del Corpo d’armata settentrionale del Pakistan. Affermare che Bin Laden godesse della protezione pakistana, secondo Gul «è una conclusione facile», ma non corrisponde alla realtà.

16.00 BIN LADEN: MUSHARRAF, OPERAZIONE DOVEVA ESSERE CONDOTTA DA PACHISTANI = VIOLATA LA NOSTRA SOVRANITÀ – (Adnkronos) – L’ex presidente pachistano Pervez Musharraf ha lamentato oggi la «violazione della sovranità» del suo paese nell’uccisione di Osama bin Laden. L’operazione «doveva essere condotta da truppe pachistane» -ha detto al servizio in urdu della Bbc- «malgrado quanto sia accaduto sia positivo, non mi aspetto che il popolo pachistano sia contento del modo in cui la nostra sovranità è stata violata». «Se lo avessero chiesto a me -ha detto l’ex presidente- avrei detto che spettava alle truppe pachistane condurre questa operazione. Ne abbiamo portate a termine decine. Tutti i grossi nomi di al Qaeda, da Kalid Sheikh Mohammed in giù, come abbiamo fatto? Abbiamo usato l’intelligence americana perchè sono migliori, ma l’azione è stata sempre compiuta dalle nostre forze di sicurezza».

15.45 BIN LADEN, ASSEMBLEA MUSULMANA: NO RISCHI MA MASSIMA ATTENZIONE A PROFUGHI (OMNIROMA) – «Non credo che ci siano rischi specifici di attentati a Roma perchè l’Italia non ha neanche partecipato all’operazione. Si deve peró prestare massima attenzione anche ai profughi che in migliaia arrivano nel nostro Paese. Non mi sembrerebbe così strano se ci potesse essere qualche simpatizzante di Al Qaeda». A parlare é il presidente dell’Assemblea musulmana d’Italia, Abdul Hadi Massimo Palazzi, parlando della morte di Bin Laden. «Ci congratuliamo con l’America per il risultato raggiunto – ha aggiunto Palazzi – abbiamo inviato anche un nostro messaggio al presidente Obama. Ci auguriamo che continui con coerenza nella lotta al terrorismo in particolare nei confronti di Paesi filoterroristici come Iran e Siria».

14.57 BIN LADEN: UE, SUA UCCISIONE NON È ESECUZIONE PENA DI MORTE (Adnkronos) – L’uccisione di Osama Bin Laden in Pakistan «non è l’esecuzione di una condanna a morte». Lo ha chiarito Pia Ahrenkilde, portavoce della Commissione europea, rispondendo ai giornalisti che le chiedevano se Bruxelles avesse cambiato posizione sulla pena di morte. «Naturalmente non l’abbiamo cambiata – ha sottolineato – Siamo e resteremo contrari alla pena di morte, ma questa non è l’esecuzione di una condanna a morte, è qualcosa di completamente diverso, Osama bin Laden era un criminale responsabile di orribili attacchi terroristici, con la sua morte è scomparso un nemico dei valori che difendiamo».

14.50 BIN LADEN: ANTITERRORISMO UE, POSSIBILI AZIONI INDIVIDUALI PER VENDETTA – (Adnkronos) – L’uccisione in Pakistan di Osama bin Laden «potrebbe ispirare azioni individuali per vendicare» la sua morte, «più che organizzazioni terroristiche che sanno di essere controllate». È l’avvertimento lanciato da Gilles de Kerchove, coordinatore dell’antiterrorismo dell’Unione Europea, sottolineando la necessità di «restare vigili e di rafforzare la sicurezza» per prevenire azioni del genere. 

14.49 REUTERS FLASH: CIA director Panetta says al Qaeda will “almost certainly” attempt to avenge bin Laden death.

14.36 BIN LADEN: RIAD, SPERIAMO UCCISIONE CONTRIBUISCA A LOTTA A TERRORISMO – (Adnkronos/Aki) – L’Arabia Saudita, la patria di Osama bin Laden, spera che l’uccisione del leader del terrore contribuisca alla lotta internazionale al terrorismo e ponga fine ai «pensieri sbagliati» che sono dietro di esso. È quanto si legge in una nota dell’agenzia di stampa ufficiale saudita Spa. Riad, in particolare, spera in un «passo verso il sostegno degli sforzi internazionali nell’ambito della lotta al terrorismo», riferisce la Spa. 

14.09 BIN LADEN: LAGARDE, UCCISIONE AIUTERÀ RIPRESA ECONOMIA USA  – (Adnkronos) – «Non mi soprenderebbe se questo evento portasse una ripresa della fiducia». È quanto ha affermato il ministro delle Finanze francese Christiane Lagarde commentando ai microfoni dell’emittente France 2 l’uccisione di Osama Bin Laden. Nell’accogliere favorevolmente la notizia della morte del leader di Al Qaeda, Lagarde ha poi osservato che «l’economia Usa è come la popolazione americana. Reagisce in modo molto rapido sia positivamente che negativamente».

13.59 BIN LADEN: YEMEN FRONTE CALDO DI AL-QAEDA, EMIRATO ISLAMICO AD ABYEN = CELLULA È DIVENTATA PIÙ AGGRESSIVA DOPO RIVOLTE CONTRO SALEH – (Adnkronos/Aki) – Oltre alle regioni di confine tra Afghanistan e Pakistan, è la Penisola Araba – e in particolare lo Yemen – l’area in cui le attività dei terroristi di al-Qaeda sono più intense. Proprio qui recentemente, la cellula locale del gruppo orfano di Osama Bin Laden ha proclamato la nascita del suo primo emirato islamico, nella provincia meridionale di Abyen. Attraverso la radio locale, il gruppo armato ha annunciato a fine marzo di aver occupato il palazzo presidenziale e tutta l’area intorno alla città. Secondo gli esperti, è stato l’esplodere delle rivolte contro il presidente Ali Abdullah Saleh a trasformare le province meridionali dello Yemen in una «terra senza legge», terreno fertile per i terroristi di al-Qaeda, che in quelle aree hanno da tempo le loro roccaforti. Secondo Abdul Ghani al-Iryani, analista politico yemenita, la recente vittoria di al-Qaeda è dovuta al fatto che, con le rivolte anti-governative in corso da settimane, sono stati richiamati nella capitale Sanaa i militari e le efficienti forze antiterrorismo, in gran parte addestrate dagli Stati Uniti.

13.29 BIN LADEN: OSAMA INCASTRATO TRAMITE UN SUO CORRIERE, SVOLTA SCORSO AGOSTO. PAKISTAN NON È STATO INFORMATO DELL’OPERAZIONE (Adnkronos) – Gli analisti della Cia hanno trascorso varie settimane ad esaminare le foto via satellite e i rapporti d’intelligence per determinare chi abitava nella magione, valutata un milione di dollari. La casa non aveva connessione telefoniche o Internet e i suoi abitanti, ossessionati dalla sicurezza, bruciavano la spazzatura invece di lasciarla in strada per la raccolta come fanno i vicini. In settembre la Cia ha stabilito che vi era «una forte possibilità» che nella casa vi fosse Bin Laden. Secondo gli americani la casa era stata costruita nel 2005 proprio per nascondere Osama. Ci sono poi voluti mesi perchè la Cia fosse sicura di aver trovato il covo di Bin Laden e perchè il presidente Barack Obama decidesse che le informazioni erano abbastanza solide. Il 14 marzo il capo della Casa Bianca ha presieduto la prima di cinque riunioni con i più stretti consiglieri per la sicurezza che nell’arco di sei settimane hanno pianificato il raid. Alle 08.20 della mattina di venerdì scorso, Obama ha incontrato il consigliere per la sicurezza nazionale Thomas Donilon, il consigliere per l’antiterrorismo John Brennan e pochi altri collaboratori nella diplomatic room della Casa Bianca. Il presidente ha firmato il piano di attacco ed è poi partito per l’Alabama dove ha visitato le vittime dei tornado. Il Pakistan, precisa il New York Times, è stato tenuto all’oscuro per scelta di Obama.

13.07 BIN LADEN: HAMAS CONDANNA UCCISIONE, MORTO COMBATTENTE ARABO – (Aki) – Il premier del governo di Hamas che controlla la Striscia di Gaza, Ismail Haniyeh, ha duramente condannato l’uccisione di Osama Bin Laden. Secondo quanto riferisce la tv araba ‘al-Jazeerà, Haniye ha definito il terrorista arabo «un mujahid combattente arabo».

13.00 Foto di Osama Bin Laden, Geo Tv conferma il falso

Le reti televisive pachistane, che hanno diffuso oggi una foto presentandola come quella del cadavere di Osama Bin Laden, hanno ammesso che si trattava di un falso e l’hanno ritirata. Diverse reti avevano presentato una foto del volto parzialmente sfigurato e insanguinato di un uomo con una folta barba nera affermando che si trattava del volto del leader di Al Quaeda, pur precisando di non poter garantire l’autenticità. «Era in realtà una foto falsa, già circolata nel 2009», ha detto Rana Jawad , il capo dell’ufficio di Islamabad di Geo Tv. Le tv americane non hanno mostrato la foto mentre i siti italiani avevano mostrato le foto. Nelle ultime ore sul web si era scatenato un forte dibattito: una delle immagini è stata accostata da alcuni blogger a un’altra del leader di al-Qaeda scattata quando era ancora in vita. Le due foto sono state rilanciate dal sito italiano UniversiNet. Nel primo scatto, il volto di Bin Laden appare sfregiato, con la fronte e gli occhi insanguinati, senza copricapo e con i capelli arruffati. Ma l’espressione del volto appare perfettamente sovrapponibile a quella del secondo scatto. Il profilo e l’angolazione da cui è presa la foto coincidono, l’apertura della bocca è la stessa, identica la lunghezza dei baffi e della barba. Il primo scatto fa pensare quindi a un pesante ritocco del secondo. Già in mattinata, gli iscritti ai forum jihadisti sostenevano inoltre che la foto del cadavere di Bin Laden mostrata dalle tv pakistane sarebbe stata già diffusa sul web cinque mesi fa da un sito iraniano. Gli internauti fondavano su questo argomento la loro tesi, in base alla quale la notizia della morte di Bin Laden è falsa. In particolare, secondo gli iscritti ai forum di al-Qaeda, il 10 dicembre del 2010 il sito Tabnak.ir avrebbe già mostrato quella foto, in cui lo sceicco appare insanguinato e con una barba troppo nera. A quell’epoca il sito iraniano aveva pubblicato l’immagine accanto al titolo: «È forse questo cadavere di Osama Bin Laden?». «I media arabi hanno mostrato la foto di un uomo ucciso in una battaglia in Afghanistan il cui volto assomiglia molto a quello di Bin Laden – scriveva il sito – Nonostante questa grossa somiglianza nessuna fonte indipendente ha però confermato che si tratti dell’immagine di Osama Bin Laden».
Ora i dubbi si concentrano sulla precipitosa sepoltura di Bin Laden in mare, avvenuta per impedire un riconoscimento del cadavere.

12.34 BIN LADEN: PRIME AMMISSIONI SU FORUM, JIHAD CONTINUA ANCHE SE MORTO – (Adnkronos/Aki) – A diverse ore di distanza dalla diffusione della notizia della morte di Osama Bin Laden appaiono sui forum jihadisti sul web le prime ammissioni sul suo decesso. Nonostante nelle prime ore tutti gli internauti islamci fossero pronti a negare la morte del terrorista saudita, nell’ultima ora si susseguono i messaggi, in particolare sul sito al-Shumukh’, nel quale si afferma che «forse lo sceicco Osama è veramente morto, ma il jihad continuerà fino al giorno del giudizio». Su un altro forum, ‘Muslim.net’, è aperto invece il dibattito sull’opportunità di svolgere una preghiera funebre in suo onore, prima che al-Qaeda confermi ufficialmente la sua morte.

12.10 BIN LADEN: ANALISTA GIORDANO, RISCHIO RAPPRESAGLIA AL-QAEDA IN EUROPA E M.O. (Aki) – L’uccisione di Osama Bin Laden espone l’Europa e il Medio Oriente ad azioni di rappresaglia da parte dei terroristi di al-Qaeda. Ne è convinto Mohammad Abu Romman, analista giordano, autore di numerosi testi sul terrorismo islamico. «Certamente al-Qaeda sarà coinvolta in molti tentativi di attacchi soprattutto in Europa e nel Medio Oriente, dove i suoi membri sono più attivi», ha detto in un commento all’agenzia tedesca Dpa. L’esperto ritiene tuttavia che la cattura e l’uccisione di Bin Laden siano stati «il colpo più duro inferto ad al-Qaeda fin dalla sua fondazione. Bin Laden era il leader carismatico, il simbolo dell’organizzazione, la cui assenza crea un vuoto che non potrà essere riempito facilmente». Ma da un punto di vista operativo, secondo Abu Romman, al-Qaeda cambierà poco, perchè il suo ruolo nel mondo islamico era già stato formtemente marginalizzato dalle rivolte arabe tuttora in corso. «L’omicidio avrà ripercussioni minime per le strade arabe, perchè è arrivato nel bel mezzo di una rivolta araba per la democrazia che in modo tangibile aveva indebolito e delegittimato al-Qaeda».

11.57 BIN LADEN: VESCOVI PAKISTAN, SUA MORTE È SEGNO DI SPERANZA  (Adnkronos) – La morte di Osama Bin Laden « è un grande segno di speranza che potrebbe abbassare la tensione nel Paese tra estremisti e moderati». Con queste parole l’arcivescovo di Lahore, mons. Lawrence Saldanha, presidente della Conferenza episcopale del Pakistan, commenta l’uccisione da parte di un commando Usa dello storico leader di al Qaeda. «Era un simbolo dell’estremismo – ha detto ancora Saldanha – credo che la sua morte ridurrà la tensione ma non la eliminerà del tutto perchè ci sono leader che porteranno avanti la sua lotta». La sua scomparsa, tuttavia, «può portare alla loro sconfitta» ed è «un passo verso una maggiore armonia e migliori relazioni tra la gente». L’arcivescovo ha anche detto che la situazione per i cristiani è «più tranquilla» rispetto ai mesi passati.

11.38 BIN LADEN: AL-AZHAR, PROIBITA DALLA SHARIA SEPOLTURA IN MARE. È CONSENTITO SOLO PER CHI MUORE SU UNA NAVE IN MARE APERTO – «La scelta degli americani di seppellire la salma di Osama Bin Laden in mare contrasta con i principi della sharia islamica». È quanto riferisce il membro del Comitato dei ricercatori dell’università egiziana di al-Azhar, Abdel Mouti al-Bayoumi, ad AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL. «Per la legge islamica – spiega – è consentito seppellire un morto in mare solo se si trova su una barca lontana dalla costa e non ci sono possibilità di arrivare sulla terra ferma per la sepoltura». Al-Bayoumi invita gli americani a «rispettare la sharia in questo momento così particolare. Ci rendiamo conto che gli americani possano temere che la tomba di Bin Laden diventi meta di pellegrinaggio, ma riteniamo che ormai tutti siano a conoscenza del fatto che le sue azioni erano sbagliate». Secondo il religioso «anche se qualcuno lo considera un mujahid, per la maggioranza dei musulmani era un uomo ingiusto e non gode di grossa popolarità tra gli arabi». L’esponente di al-Azhar sostiene inoltre che «la sua morte era attesa da tempo ed è arrivata in ritardo».

11.21 BIN LADEN: AL-ARABIYA, SEPOLTO IN MARE DOPO RIFIUTO ARABIA SAUDITA (Aki) – La salma del leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden, è stata seppellita in mare a seguito del rifiuto delle autorità saudite di portarla in uno dei cimiteri del paese. Secondo quanto riferisce la tv satellitare ‘al-Arabiyà, un portavoce americano nel confermare la notizia della sepoltura di Bin Laden in mare, ha aggiunto che «non c’è nessun paese disposto ad ospitarle la salma» e ha sottolineato come «ci sia il timore che la sua tomba possa divenire luogo di pellegrinaggio per gli estremisti islamici».

11.28 BIN LADEN: AL-QAEDA GIÀ PRONTA A SOSTITUIRE LEADER (Adnkronos/Aki) – Secondo fonti del quotidiano, in seguito all’esplodere delle rivolte in Medio Oriente e Nordafrica, Bin Laden si era attivato in modo che i gruppi estremisti di Afghanistan e Pakistan potessero reagire in modo compatto. Per questo, era arrivato di recente in Pakistan per incontrare, tra gli altri, Gulbuddin Hekmatyar, jihadista e fondatore di Hezb-e-Islami, partito e gruppo paramilitare afghano. Il leader di al-Qaeda era arrivato ad Abbottabad circa 10 giorni fa e aveva intenzione di spostarsi nuovamente a breve.

11.06 BIN LADEN: CASA BIANCA, SI NASCONDEVA IN FORTINO DA UN MILIONE DI DOLLARI (Adnkronos) – Il ‘fortinò di Bin Laden «è circa otto volte più grande delle altre case dell’area. Ha muri di cinta alti 3-4 metri sormontati da filo spinato», racconta il funzionario, che spiega che «l’accesso al compound avviene attraverso due varchi di sicurezza e i residenti bruciavano internamente i rifiuti, al contrario degli altri vicini, che li depositavano al di fuori delle abitazioni per la raccolta». «La struttura principale, un edificio a tre piani -dice ancora il funzionario della Casa Bianca- ha poche finestre che guardano verso l’esterno del compound. Una terrazza al terzo piano ha un muro di protezione alto due metri».

10.54 BIN LADEN: ABITANTI ABBOTTABAD, AVEVA PROTEZIONE MILITARE – (Adnkronos/Aki) – «Osama Bin Laden non poteva vivere nel nostro quartiere senza avere la protezione dei militari pakistani». È questo il commento più frequente che l’inviato della tv satellitare ‘al-Arabiyà ha registrato tra gli abitanti della zona dove è stato ucciso il leader di al-Qaeda. Secondo il giornalista arabo inviato nella zona settentrionale pakistana, gli abitanti di Abbotabad si dicono molto stupiti per la presenza del terrorista saudita in quella zona «perchè si tratta di un’area a forte presenza dell’esercito, a poca distanza da una importante accademia militare. Non poteva rifugiarsi qui senza la loro protezione».

10.48 UE, GRANDE RISULTATO LOTTA TERRORISMO, ORA MONDO PIÙ SICURO (Adnkronos/Aki) – La morte di Osama Bin Laden è «una conquista maggiore» nella lotta al terrorismo che rende il mondo «più sicuro». È la reazione del presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso e del presidente Ue Herman Van Rompuy.

10.43 BIN LADEN: GENTE IN STRADA A WASHINGTON E NEW YORK, INTERROTTO MATCH BASEBALL  (Adnkronos/Dpa) – La notizia della morte di Osama Bin Laden ha portato migliaia di persone in strada negli Stati Uniti, in particolare a Washington dove una folla in festa si è riunita davanti alla Casa Bianca e a New York, sul sito di Ground Zero, dove sorgevano le Torri Gemelle abbattute durante l’attentato terroristico dell’11 settembre 2001 ed in cui vennero uccise più di 2.600 persone. A Philadelphia, la notizia è girata in uno stadio di baseball tra i ‘Phillies’ e i ‘New York Mets’. Il gioco si è interrotto tra grida di gioia e slogan della folla. L’annuncio del presidente Obama è arrivato poco dopo le 11.30 locali di ieri sera, ma già prima erano cominciate a trapelare indiscrezioni che hanno spinto la gente in strada. «È una festa perchè è una guerra che abbiamo appena vinto», ha dichiarato un vigile del fuoco di New York in pensione alla Cnn. «Oggi è un grande giorno perchè tutti i fratelli che abbiamo perso sapranno di non essere morti invano». «Non avrei mai creduto che questo giorno sarebbe arrivato», ha dichiarato l’ufficiale di polizia in pensione Bob Gibson. «Siamo felicissimi ma anche ci sentiamo vicini alle famiglie che hanno perso dei cari».

10.40 BIN LADEN: MILITANTE AL-QAEDA IN YEMEN, SUA MORTE È PER NOI UNA CATASTROFE – (Adnkronos/Aki) – «La morte di Osama Bin Laden rappresenta per il nostro gruppo una catastrofe». È con queste parole che un militante di al-Qaeda in Yemen ha commentato alla tv satellitare ‘al-Arabiyà la notizia della morte del terrorista saudita. «In un primo momento non ci credevamo – ha spiegato – ma successivamente abbiamo avuto la conferma da alcuni nostri fratelli presenti in Pakistan».

10.36 BIN LADEN: FRATELLI MUSULMANI, ORA USA SI RITIRINO DA IRAQ E AFGHANISTAN – (Aki) – «Ora che è morto Osama Bin Laden gli americani possono ritirarsi dall’Iraq e dall’Afghanistan». È questa la prima reazione del movimento islamico dei Fratelli Musulmani egiziani alla notizia della morte del leader di al-Qaeda. Secondo quanto riferisce la tv araba ‘al-Jazeerà, i Fratelli Musulmani sostengono che «con l’uccisione di Bin Laden è venuta meno una delle cause principali dei conflitti nel mondo».

08.00 BIN LADEN: AL-ARABIYA, HA OPPOSTO RESISTENZA DURANTE BLITZ, ARRESTATE 2 MOGLI E 4 FIGLI – (Adnkronos/Aki) – Il leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden, avrebbe opposto resistenza al commando di soldati americani nel corso del blitz condotto in Pakistan per arrivare alla sua cattura. Secondo quanto riferisce l’inviato della tv satellitare ‘al-Arabiyà in Pakistan, il terrorista saudita è stato ucciso con una pallottola in testa e con lui sarebbero stati fermati due mogli e quattro figli. L’uomo si trovava in una casa privo di linee telefoniche.