Una tassa per chi riduce le donne al loro corpo

Una tassa per chi riduce le donne al loro corpo

Basta per favore, ve lo chiediamo per piacere. Basta misurare le donne solo in base alla loro bellezza. Che lo facesse lui è un conto, si sa com’è, e in qualche modo a lui si applicano le regole dello show business e non quelle della politica. Dovrebbe piantarla anche lui ma, appunto, si dubita lo farà mai. Ma che ora ci si metta pure La Russa a giudicare le donne solo in base alla loro bellezza, questo è troppo. A La Russa si applicano le categorie della politica non quelle dello spettacolo. E se mettessimo una tassa su tutti quelli che ancora riducono le donne al loro corpo, i proventi sarebbero una manna per le casse vuote dello Stato e il loro silenzio una benedizione per la dignità di noi tutti, maschi e femmine.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter