E in Rete la destra ammette: “Una sconfitta culturale”

E in Rete la destra ammette: “Una sconfitta culturale”

Parla apertamente di “fallimento culturale”. Riconosce la superiorità della campagna comunicativa della sinistra. È Daw, il blogger Diego Destro, uno degli opinion leader della destra in rete, un blogger molto popolare che da queste parti seguiamo da un po’ e in particolare da quando, sull’onda della sconfitta alle elezioni amministrative, ha lanciato la proposta di rottamare il centrodestra e i suoi attuali leader.“Il centrodestra – scrive oggi Daw – non è stato capace di rispondere a questa macchina da guerra”, messa in piedi dal centrosinistra e fatta soprattutto – secondo Daw – da “disinformazione”. Ma il centrodestra ha perso “per manifesta incapacità, inferiorità e per paura. Per timore di perdere, un timore che è diventato convinzione e certezza. Il centrodestra ha preferito non giocare la partita, scegliendo vergognosamente di battere in ritirata, stando al riparo di quella campana di vetro”.Alla fine, Destro, scrive parole assai dure: “Il centrodestra ha fallito in uno dei compiti più importanti: no, non abbassare le tasse. Ma dare forza a quell’area culturale alternativa alla sinistra. La più grande azienda culturale del Paese, la Rai, non ha traccia di una cultura di centrodestra, anzi. Per anni ci hanno definiti scioccamente “antropologicamente inferiori“: probabilmente qualcuno di noi ha finito per crederci”.Già. Chissà se gli echi della Rete arrivano nel centrodestra asserragliato nel suo Palazzo?

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter