La Fiat assumerebbe Lorenza Lei?

La Fiat assumerebbe Lorenza Lei?

Tutti dicono che Lorenza Lei è una tosta e preparata. Un’aziendalista convinta, che in questo momento di grande confusione avrebbe buon gioco a imporre la sua professionalità rispetto ai questuanti della politica. Invece come primo colpo perde Santoro, lui peraltro consenziente, come secondo saluta Fazio-Saviano che se ne vanno a La7 a rifare «Vieni via con me», come terzo potrebbe addirittura sancire il divorzio dalla Gabanelli. E qui saremmo al colmo. Uno si chiede: ma che manager è una così? Marchionne la prenderebbe in Fiat? No. E Enrico Bondi in Parmalat? Nemmeno. In Rai? Forse.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020