Ma tutta questa pubblicità davvero allunga le code alle pompe dell’Eni?

Ma tutta questa pubblicità davvero allunga le code alle pompe dell’Eni?

Ha sicuramente ragione Paolo Scaroni, che spiega ripetutamente che la pubblicità fatta su Dagospia ha prezzi di mercato e non è così rilevante come investimento. Dato il successo del sito di D’Agostino e visti i budget pubblicitari di Eni non c’è alcun dubbio: il prezzo è giusto. Ci resta, però, una curiosità più generale, dati gli enormi investimenti pubblicitari che Eni ha fatto in questi anni: ma davvero la coda per fare benzina, alle pompe col cane a sei zampe, si è allungata? Davvero Eni ha investito decine di milioni per vendere più “pieni”? Davvero davvero?

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter