La Grecia scherzava: niente referendum

La Grecia scherzava: niente referendum

Apertura del Financial Times sul repentino cambio di rotta del primo ministro greco George Papandreou: niente referendum e governo di solidarietà nazionale. http://goo.gl/k7TlP

Sempre sul Ft, la prima volta di Draghi alla Bce: taglia i tassi di 25 punti base ma afferma che l’istituto centrale di Francoforte non sarà per sempre il prestatore di ultima istanza delle banche comunitarie. http://goo.gl/Ub1qh

Prima pagina del Wall Street Journal sul default di MF Global. La società guidata dall’ex numero uno di Goldman Sachs, John Corzine, avrebbe mascherato negli ultimi due anni il suo vero indebitamento. http://goo.gl/sgsKs

Sempre sul Wsj, la Cia vara regole più severe nell’uso dei droni vista la fragile alleanza in Pakistan, dove continuano a svolgere un ruolo di monitoraggio fondamentale. http://goo.gl/lkoQd

Sul New York Times un’analisi delle reazioni del sindaco di New York al movimento Occupy wall street. Michael Bloomberg è diviso tra la difesa della libertà di espressione e la perdita di appeal della città. http://goo.gl/Es3Aa

Il Washington Post torna sullo scandalo di Herman Cain, il candidato repubblicano in corsa alle primarie che nel 1995, da presidente dell’Associazione nazionale ristoratori, è accusato di una gestione allegra del denaro della lobby. http://goo.gl/69XKg

Sul Telegraph, da Cannes il premier inglese David Cameron ha affermato, suscitando la fortissima opposizione di alcuni deputati conservatori, che è pronto a finanziare il raddoppiamento delle risorse del Fmi nel bailout eurpeo, una delle opzioni in campo al G20. http://goo.gl/s835A


Le Monde chiede a un panel di economisti quanto costerebbe al resto d’Europa l’uscita della Grecia dalla zona euro. Ecco le loro risposte: http://goo.gl/njqLH


Sul quotidiano economico tedesco Handelsblatt l’esposizione al debito greco ha causato perdite di 700 milioni di euro nell’ultimo trimestre per Commerzbank, tra i principali istituti di credito in Germania. http://goo.gl/W5tfY

El Paìs si concentra sulla campagna elettorale spagnola, dove tutti i partiti mantengono un profilo basso, ma il peggioramento della crisi potrebbe ulteriormente far perdere consensi al Psoe, in favore dei popolari. http://goo.gl/PasnA

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta