Scuola, quanto spendiamo per i nostri studenti?

I numeri di uno studio dell’Associazione TreeLLLe

Tre virgola quattro per cento del pil è quello che l’Italia spende per la scuola primaria e secondaria. Poco meno rispetto al 3,6% della media europea. Ma allora dove si annidano i ritardi del nostro sistema scolastico? Un numero di insegnanti alto rispetto alla media europea porta a una minore retribuzione oraria del corpo docente, con conseguenze negative anche sull’apprendimento dei nostri studenti. I ragazzi italiani raggiungono punteggi per le competenze scolastiche minori rispetto ai coetanei europei e, soprattutto, frequentano di meno la scuola. Tutti i numeri nei grafici tratti dallo studio “I numeri da cambiare. Scuola, università e ricerca. L’Italia nel confronto internazionale”, realizzato dall’Associazione TreLLLe.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta