Crisi, maggiore contrazione nei redditi dei più poveri

Crisi, maggiore contrazione nei redditi dei più poveri

Durante la crisi, le famiglie con reddito più basso hanno sperimentato, in media, nei paesi Ocse, una contrazione del reddito disponibile più alta, in percentuale, rispetto al 10% più facoltoso. Se per il totale delle famiglie italiane, la contrazione annuale media è stata del 1,36%, per le famiglie più indigenti questa si assesta ad un pauroso -6,2% contro l’appena 1% delle famiglie nella parte alta della distribuzione del reddito. Questa evidenza empirica è particolarmente vera nei paesi, come Irlanda, Spagna, Grecia e appunto Italia, il che, fra le altre cose, forse denota una difficoltà nel ripartire il carico dell’austerity in modo egualitario, al netto degli effetti già diseguali dovuto alle forze di mercato.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta