Hitler e le sue mosse

Hitler e le sue mosse

Heinrich Hoffmann è stato un famoso fotografo tedesco del 1900. Ha scattato foto sia durante la prima, sia durante la seconda guerra mondiale e tutti abbiamo visto alcune delle sue foto: Hoffmann è stato il fotografo ufficiale di Adolf Hitler, l’unico autorizzato a fotografarlo.

Hoffmann è entrato nel NSDAP, il Partito Nazista Tedesco, nel 1920. Da lì, è presto nata una duratura amicizia con Hitler che l’ha voluto al suo fianco e nel 1938 l’ha appuntato professore. In quanto unico fotografo del Führer, Hoffmann accompagna Hitler ovunque, sia nei momenti pubblici e istituzionali, sia in quelli privati. Scatta, in totale, oltre 2 milioni di foto di Hitler, alcune delle quali diventate anche poster di propaganda, francobolli, cartoline. Un business che nel corso degli anni ha reso Hoffmann molto ricco.

All’inizio del 1925, subito dopo la scarcerazione di Hitler, Hoffmann incontra il Führer e gli scatta alcune foto molto strane, decisamente diverse da quelle posate e attentamente ricercate che arriveranno dopo la sua salita al potere. Sono una decina di foto in cui vediamo Hitler mentre ascolta un suo discorso registrato e prova alcune delle pose che poi metterà in pratica nelle piazze delle Germania. Hitler, dopo aver visto i negativi delle foto, chiede a Hoffmann di distruggere le immagini. Il fotografo, però, le nasconde e le salva.

A guerra finita, Hoffmann viene arrestato dai militari statunitensi e condannato a quattro anni di prigione per crimini di guerra. E gli americani recuperano tutte le sue fotografie, oggi archiviate presso il National Archive a Washington, comprese quelle del 1925.

Le immagini sono un’ulteriore testimonianza della capacità comunicative di Hitler e nella preparazione che c’era dietro al suo personaggio pubblico. Lo storico Roger Moorhouse, scrive nell’introduzione del libro scritto da Hoffmann dopo la scarcerazione, Hitler Was My Friend, che: «ha perfettamente senso che [Hitler] facesse questa cosa. Abbiamo un’idea di Hitler come una specie di buffone, che aveva molto carisma e i cui discorsi facevano sinceramente credere che avrebbe portato la nazione alla grandezza. Era un oratore ammaliante e queste foto sono la testimonianza che che aveva lavorato molto duramente per diventarlo».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta