Regole per sembrare intelligenti con le mail

Regole per sembrare intelligenti con le mail

Non basta saper fare bella figura durante le riunioni, trovare gli argomenti giusti per impressionare il capo, saperci fare con i colleghi e i collaboratori. C’è un ambito da curare e coltivare con cura: le mail. Questa infografica mostra (con ironia) tutti i modi per sembrare intelligente con le mail. È fondamentale. Sono trucchi da imparare con attenzione.

Prima regola, lamentarsi per la quantità di mail ricevute. Come è evidente, non bisogna commettere l’ingenuità di dire, per primi, quante mail arrivano nella propria casella. Ascoltare gli altri e poi, in ogni caso, raddoppiare il numero. “Cavoli, ricevo 500 mail al giorno”. “Eh, ti capisco. A me ne arrivano il doppio”.

È sembre buona norma lasciare il “sent from my phone”, anche quando non è vero. Dà l’impressione di essere sempre in giro, di corsa. E poi evita di essere giudicati per eventuali errori.

Ottima cosa è anche inviare pensieri strani e proposte alle ore più impensabili. Casomai servisse, si consiglia di preparare delle sveglie.

Insomma, i trucchi e le idee sono tanti. Per vederle, si può guardare questa infografica realizzata da The Cooper Review:

Clicca qui per vedere l’infografica completa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta