Bovinus Luxury: quando la qualità non è solo un lusso

Bovinus Luxury: quando la qualità non è solo un lusso

Dai migliori mattatoi di tutta Europa, Bovinus Luxury seleziona i più pregiati tagli di carne bovina, con un’attenzione e una cura che vengono ripagate a ogni assaggio. Carni tenerissime, dal sapore intenso, capaci di soddisfare anche i palati più esigenti. Quelle di Bovinus Luxury sono bistecche a cinque stelle, che hanno stregato chef rinomati e che trasformano ogni cucina in un ristorante di lusso.

Attiva nella produzione e nella distribuzione, l’azienda italiana collabora anche con la prestigiosa Bernardo Hernandez S.A. “BEHER”, la storica impresa spagnola regina dei prosciutti, che possiede uno dei migliori allevamenti allo stato brado di suini iberici.

Su Foodscovery, grande successo stanno incontrando le speciali carni di manzo dell’azienda di Morlupo (Rm), che ha fatto di qualità, sicurezza e genuinità i suoi pilastri fondamentali.

Tra i tagli più pregiati, un irresistibile e magrissimo filetto, ottimo scottato alla piastra e gustato al sangue. Da provare anche la fiorentina Bovinus Luxury e gli sfiziosi hamburger di Frisona Alpina, finemente macinati e lavorati a mano uno a uno.

Quando la ricerca della qualità è una missione, nessun passaggio può essere trascurato, a partire dall’accurata selezione. Il primo elemento a fare la differenza è l’alta marezzatura. Il buon bilanciamento tra parte magra e parte grassa garantisce la morbidezza e il gusto succulento delle carni. Le piccole venature di grasso, sciogliendosi in cottura, rendono i tagli di bovino teneri e saporiti, annullando ogni rischio di risultare stoppacciosi.

Un passaggio fondamentale è poi la frollatura, che può richiedere da un minimo di 2 settimane fino a un massimo di 6/7 settimane. Senza questo processo, la carne fresca risulterebbe dura e con un vago sapore metallico. Anche il manzo, come il vino o i formaggi può migliorare con il tempo. Per questo Bovinus Luxury è l’unica azienda a praticare una speciale frollatura a secco: un processo che dura 40 giorni, denominato “Dry-aged care”.

Questa procedura, il cui termine scientifico è “proteolisi”, consiste nel lasciar lavorare gli enzimi della digestione anche dopo la macellazione. Agendo sul tessuto muscolare, gli enzimi contribuiscono a renderlo tenero, sciogliendo parte delle proteine. Il risultato è una carne non solo squisita ma anche tenerissima: un vero lusso per le papille gustative.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter