StraordinèrioSacchi, omaggio alla follia

Il sogno, l'ambizione, il successo, Angelo Colombo e la deriva. Arrigo Sacchi e Arcangelo Corelli: i due figli di Fusignano per la prima volta assieme

Negli ultimi settecentosettantasei anni, ovvero da quando il conte Bernardino di Cunio decise di ricostruire nel Fundus Fuscinianus il suo castello distrutto dalla devastante alluvione del Senio del 1250, gli abitanti di Fusignano hanno prestato la loro obbedienza a una lunga sequela di conti, papi, marchesi, soldati francesi, re di Sardegna, repubblichini, alleati, aspiranti comunisti, riformisti e difensori vari dell’identità locale.

Oggi il comune di Fusignano conta meno di diecimila anime, confina con i comuni di Alfonsine, Bagnacavallo e Lugo ed è ricordato essenzialmente per due fatti storici, per la precisione due lieti eventi, entrambi in circostanze a dir poco difficili.

Il 17 febbraio del 1653, mentre i suoi parenti cercavano di riconquistare una posizione dominante in città dopo la decapitazione e lo squartamento del ribelle Rodolfo Corelli per mano dei potenti Calcagnini (con conseguente distruzione e spargimento di sale sulle macerie del palazzo di famiglia), nasceva a Fusignano Arcangelo Corelli, prodigioso violinista e compositore.

Continua a leggere su Valderrama

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta