Social e identitàOde a Facebook, che ci ha spinto a “metterci la faccia”

Facebook ci ha spinto proprio a mostrare il nostro viso e a voler vedere quello degli altri. Metterci la faccia significa assumersi una responsabilità personale, significa essere disposti a pagare il prezzo delle proprie scelte

Metterci la faccia è diventata da qualche tempo un’espressione discretamente di moda. Al netto della retorica che in tanti casi la ammanta, permettetemi di esprimere il mio compiacimento: perché questa idea del metterci la faccia rappresenta uno dei più sostanziosi salti evolutivi della nostra epoca. Metterci la faccia significa assumersi una responsabilità personale, significa essere disposti a pagare il prezzo delle proprie scelte, significa giocarsela a viso aperto, non dietro le spalle. Metterci la faccia significa avere il coraggio di essere pienamente se stessi, di presentarsi non con una maschera ma con il proprio volto.

Ecco, se oggi queste cose ci sembrano naturali, dobbiamo ringraziare Facebook. Perché – come dice il nome stesso – Facebook ci ha spinto proprio a mostrare il nostro viso e a voler vedere quello degli altri. Si è trattato di una vera metamorfosi radicale, perché invece tutti gli anni novanta e oltre erano stati segnati dalla simulazione: dalle chat a quel colossale bluff chiamato Second Life, prima dell’avvento di Facebook sembrava molto intelligente nascondersi dietro identità fittizie, simulare di essere chi non si era nella realtà. Personalmente trovavo noioso e odiosetto questo gioco di furbizie e dissimulazioni, e se ho esultato all’arrivo di Facebook è proprio perché spingerci a mostrare il nostro nome e il nostro viso spazzava via la supremazia di quel mondo artificioso e artefatto.

Se ci pensate, da quando c’è Facebook noi siamo tornati ad apprezzare il superiore valore dell’autenticità. Vogliamo vedere persone vere, credibili. Vogliamo storie e situazioni reali, non esibizioni inautentiche. Se fate gli schizzinosi davanti al successo dei reality, lasciatevi dire che sbagliate: se i reality sono pessimi, è perché mettono generalmente in scena persone tutt’altro che entusiasmanti, ma in sé l’idea di mostrare l’esistenza delle persone è eccellente proprio perché risponde a una molto sostanziosa domanda di autenticità (se qualche produttore mi sta leggendo, ho un’idea per un reality con un cast di esseri umani di una certa qualità e ricchezza vitale: sarebbe un enorme successo, credetemi).

CONTINUA A LEGGERE

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta