Omicidio Yara: Bossetti condannato all’ergastolo

Dopo un anno di processo, arriva la sentenza di primo grado. Il muratore di Mapello Massimo Bossetti, incastrato dal Dna è stato riconosciuto colpevole dai giudici del tribunale di Bergamo

Ergastolo per Massimo Bossetti. Dopo dieci ore di camera di consiglio, la Corte d’Assise condanna il muratore di Mapello, riconosciuto colpevole in primo grado dell’omicidio della tredicenne Yara Gambirasio.

In giornata l’imputato aveva chiesto di ripetere l’esame del Dna, prova regina della sua colpevolezza, dichiarandosi innocente.

A Bossetti viene anche tolta la potestà genitoriale,

I giudici non hanno applicato l’isolamento diurno per sei mesi. Per quanto riguarda i risarcimenti, l’imputato è stato condannato a un risarcimento danni di 400 mila euro per ciascuno dei genitori di Yara, 150 mila euro per ogni fratello di Yara e 18 mila euro per gli avvocati. Bossetti lasciando l’aula si è limitato ad alzare gli occhi al cielo.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter