Non solo la Festa della Repubblica, il 2 giugno è anche il Tax freedom day

L'idea di calcolare il giorno dell'anno in cui si smette di lavorare per pagare le tasse è venuta a un imprenditore della Florida nel 1949. Il businessman, non appena intuito il futuro successo della trovata, andò a registrare il marchio. Una "ricorrenza" che quest'anno, in Italia, cade il 2 giugno

Quest’anno il 2 giugno, la data fondativa della Repubblica, un nuovo governo si sarà appena insediato. Il 2 giugno, però, si festeggia anche un altro evento: il Tax freedom day. Cos’è? La festa della “liberazione” dalle tasse, ovvero il giorno in cui si smetterebbe di pagare le imposte se si anticipassero in un’unica soluzione allo Stato.

In pratica, prendendo in considerazione tutte le tasse che si pagano in un anno, ciò che un contribuente medio ha guadagnato fino al 2 giugno è destinato allo Stato.

Ma come siamo messi rispetto agli altri Paesi?

Continua a leggere su Moneyfarm

Il 2 giugno, però, si festeggia anche un altro evento: il Tax freedom day. Cos’è? La festa della “liberazione” dalle tasse

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta