MercatiLa sfida tra Generali e Allianz per il mercato messicano, il piano di Enel Russia per l’energia rinnovabile: le 10 notizie finanziarie da seguire

Ogni settimana dieci titoli da tenere d’occhio: si comincia con l’accordo per una partnership di bancassurance tra Generali e BBVA, e si prosegue con il piano industriale di Enel Russia (e gli asset rumeni)

GABRIEL BOUYS / AFP

Generali sta procedendo con la trattativa per una partnership di bancassurance con BBVA in Spagna e Messico, del valore di circa 1,5-2 miliardi di euro circa. Il principale concorrente è Allianz che, a valle dello scioglimento dell’accordo con Santander, sarebbe disposta ad offrire una cifra significativa. La compagnia è già presente in Spagna, dove ricopre l’ottava posizione nel mercato in termini di premi, mentre non è presente in Messico, mercato abbandonato nel 2014. Notizia disponibile agli abbonati Websim

Enel Russia ha aggiornato il piano industriale, con l’obiettivo di realizzare almeno 360 megawatt di capacità rinnovabile nei prossimi anni. Per quanto riguarda la possibile cessione degli asset rinnovabili Enel in Romania, gli interessati sarebbero Macquarie, il fondo di Singapore GIC e il fondo del Kuwait Wren House Infrastructure. Gli asset rumeni nel 2018 hanno avuto ricavi pari a 1,2 miliardi di euro ed un Ebitda di 230 milioni. Si parla di una potenziale valutazione di 1 miliardo. Notizia disponibile agli abbonati websim

Vuoi sapere quali sono gli altri 8 titoli da tenere d’occhio in Piazza Affari secondo Websim? CLICCA QUI

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta