Sintomi e curaCoronavirus, per non sottovalutare il problema, meglio sopravvalutarlo (per ora)

L’infezione è molto contagiosa, al momento non ci sono farmaci né vaccini per curarla, e quel che è peggio è che pare si possa trasmettere da pazienti asintomatici. L’isolamento potrebbe non bastare. Attenzione, quindi, prima di riammettere i bambini provenienti dalla Cina a scuola. Da Medicalfacts

Handout / ROYAL THAI NAVY / AFP

Il coronavirus cinese è molto contagioso, causa una malattia che sembra essere grave e contro di essa non abbiamo né farmaci né vaccini. L’unica arma che possiamo utilizzare per tentare di bloccare questa epidemia è, insieme alla diagnosi precoce, l’isolamento. Ma l’isolamento è particolarmente difficile da mettere in atto, in quanto sembra che anche individui senza sintomi possano trasmettere l’infezione. Nel report di ieri pomeriggio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità vengono riportati 153 casi diagnosticati di coronavirus al di fuori della Cina, che possiamo immaginare siano stati seguiti con la massima attenzione e con la doverosa accuratezza. Di questi 153 casi, ben 12 erano asintomatici. Quindi, fino a prova contraria, è prudente assumere che gli asintomatici possano essere in grado di trasmettere l’infezione.

Articolo completo sul sito MedicalFacts

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta