Quesiti linguistici“Plexiglas” o “Plexiglass”? Risponde la Crusca

All’inizio del Novecento il chimico Otto Röhm con il socio Otto Haas avviò in Germania le ricerche sugli acrilati, che nel 1933 portarono all’invenzione di una resina, il cui nome è un composto della parola latina “plexus” più il sostantivo tedesco “glas”, vetro. Con una esse

(Photo by ALAIN JOCARD / AFP)

Tratto dall’Accademia della Crusca

Ci sono pervenute molte domande sulla corretta grafia di plexiglas: la parola deve essere scritta con una o con due s?

Risposta
Prima di dare una risposta sarà utile ricostruire brevemente la storia del termine.

All’inizio del Novecento il chimico tedesco Otto Röhm con il socio Otto Haas avviò in Germania le ricerche sugli acrilati, che nel 1933 portarono all’invenzione del polimetilmetacrilato (in sigla PMMA), una resina artificiale usata per lastre, lamine e tubi in luogo del vetro, per la sua maggiore infrangibilità e trasparenza: le fu dato il nome di Plexiglas, composto di plexus, participio passato del verbo latino plectĕre ‘intrecciare’ (a motivo della struttura polimerica) e dal sostantivo tedesco Glas ‘vetro’. Plexiglas è un marchio registrato fin dal 1933 dalla società Röhm & Haas GmbH (dal 1971 Röhm GmbH) con sede a Darmstadt, che vende i prodotti in tutto il mondo, tranne che negli Stati Uniti. Ciò si deve al fatto che nel 1909 nacque a Filadelfia una filiale americana della ditta tedesca. Nel 1917, con l’entrata della Germania in guerra, la filiale fu sequestrata, ma alla fine del conflitto fu restituita a Otto Haas, che viveva negli Stati Uniti dal 1909, e la società, con il nome di Röhm & Haas Company, iniziò la produzione e la commercializzazione del polimetilmetacrilato, che sul mercato americano acquisì una s in più, trasformandosi in Plexiglass.

Per quanto riguarda l’uso del termine nella nostra lingua, il DELI  registra il termine nella grafia plexiglas, come voce inglese datata 1935, composta di plexi- e glass ‘vetro’. La data della prima attestazione italiana secondo il DELI risale al 1949, perché in quell’anno la nuova parola fu registrata nel Dizionario tecnico inglese-italiano, italiano-inglese di Giorgio Marolli (Firenze, Le Monnier, 1949, p. 604). E nel 1950 Bruno Migliorini inserì la voce Plexiglas, definita ‘una materia plastica’, nell’Appendice di ottomila voci al “Dizionario Moderno” di Alfredo Panzini.

Il termine è registrato come sostantivo maschile nei dizionari della lingua italiana sempre e unicamente nella forma plexiglas, con una sola -s finale: quasi tutti i repertori (Garzanti, GRADIT, Sabatini-Coletti, Zingarelli) fanno derivare il nome commerciale dall’inglese, mentre altri (Devoto-Oli  e Vocabolario Treccani) lo dichiarano solo nome commerciale e marchio registrato.

I dizionari di lingua inglese oscillano tra le due forme: plexiglas, secondo il Webster’s Third New International Dictionary e il Collins English Dictionary; ma plexiglass secondo il Merriam-Webster Dictionary; l’Oxford English Dictionary registra plexiglas ma prevede anche la variante plexiglass; il Dizionario delle lingue italiana e inglese Sansoni nella parte Inglese-Italiano registra plexiglass e lo traduce con plexiglas. Infine un accenno alla pronuncia: quasi tutti i dizionari italiani accolgono sia la pronuncia plèxiglas sia la pronuncia plexiglàs, e così fa anche il DOP, che registra entrambe le pronunce.

CONTINUA A LEGGERE

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta