Un pugno di moscheLand grabbing – perché?

"I rischi di non investire in Africa: perdere grandi opportunità e guadagni." Sono le parole di Susan Payne, Amministratore Delegato di "Emergent – EmVest" al "Food Security Summit" di Cape Town, n...

I rischi di non investire in Africa: perdere grandi
opportunità e guadagni.
” Sono le parole di Susan Payne, Amministratore Delegato di “Emergent – EmVest” al “Food Security Summit” di Cape Town, nel maggio 2011. E “La terra coltivabile sarà uno dei migliori investimenti dei nostri tempi“, ha confermato l’investitore Jim Rogers.

Piccolo dettaglio: la corsa dei grandi investitori all’acquisto di enormi estensioni di terre nei Paesi in via di sviluppo distrugge il presente e il futuro delle comunità che affidano il sostentamento a quelle terre. Per adempiere agli opachi accordi le autorità locali liberano le terre da chi le ha sempre abitate “manu militari”. Stupri, violenze, distruzione q.b.

Il “land-grabbing” è il paradigma dell’anti-sviluppo, ed è un otre che trabocca per abbeverare gli investitori e gli istituti finanziari d’ogni parte del mondo, a danno dei più poveri che sono privati di ogni diritto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta