Marchionne veste PradaLe grandi griffes vanno all’inceneritore. I non-sense della moda.

A cena con un'amica che lavora in una grande azienda della moda made in Italy discutiamo di vendite family&friends. Sono un appuntamento chiave di questi giorni per giornalisti e dipendenti delle a...

A cena con un’amica che lavora in una grande azienda della moda made in Italy discutiamo di vendite family&friends. Sono un appuntamento chiave di questi giorni per giornalisti e dipendenti delle aziende: vi si comprano capi di collezione usati per i servizi fotografici oppure delle passate collezioni a prezzi decisamente più bassi rispetto a quelli di mercato. Un abito da 1000 euro si può trovare anche a 150, tanto per fare un esempio.

“Sono stata alla vendita aziendale – racconta la mia amica R. – e c’era davvero tantissima roba, venduta a 10-15 euro. Del resto una volta passato lo scoglio Famiy&Friends tutti quei vestiti vanno all’inceneritore“.

Io, perplessa, chiedo come mai: non si potrebbero mandare negli outlet oppure dare alle associazioni benefiche che raccolgono vestiti da dare ai meno fortunati?

No: l’eccessiva diffusione dei fondi di magazzino abbasserebbe il valore del marchio.

Ecco uno dei non-sense della moda, insomma.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta