Dire, fare, baciare, lettera, pubblicità e comunicazioneBeware the dog

Allora, diciamolo subito, Diesel non é nuova a colpi del genere. Fin dalla nascita la marca di jeans di Molvena ha sempre cercato di presentare campagne sorprendenti, iniziative marketing fuori dal...

Allora, diciamolo subito, Diesel non é nuova a colpi del genere.
Fin dalla nascita la marca di jeans di Molvena ha sempre cercato di presentare campagne sorprendenti, iniziative marketing fuori dal coro, rivoluzionarie, controcorrenti.
E i risultati gli hanno sempre dato ragione, perché i loro jeans hanno largalente oltrepassato i confini del veneto e sono uno status symbol nelle migliori strade del mondo, da New York a Londra passando per Shangai e Parigi.
Stavolta pero’ la loro ultima campagna per presentare la collezione estate di occhiali da sole sembra veramente andare oltre ogni possibile riflessione. Via personaggi improbabili, basta modelle languide dallo sguardo voglioso sotto il sole di Cancun, Diesel rompe ancora una volta i canoni (questa la capite fra una riga, una riga e mezzo, sic!) della comunicazione del segmento e chiama a raccolta i migliori amici dell’uomo per vendere i loro occhiali.
Levrieri afgani dai peli al vento, altezzosi barboncini, inquietanti molossi dall’aria simil soprano, ecco i testimonial della nuova campagna Spring/Summer 2012 Eyewear Collection, in un film concepito dall’agenzia Poke di Londra

L’idea, che comunque é ispirata al video del DJ francese Vitalic, mi lascia piuttosto perplesso, il gioco, simpatico mi sembra piuttosto fine a se stesso, ok, il barboncino che ci guarda con un disinteressato snob che neanche la peggior Paris Hilton é simpatico, anzi, non lo é, per questo é simpatico. Vabbé, insomma, mi avete capito. Pero’ l’insieme, alla fine dei giochi, sembra più un esercizio di stile che altro. Slow motion, scenografia ben curata, pero’ alla fine un minuto e mezzo a guardare i cani con gli occhiali risultano abbastanza noiosi.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=6S45MxSHEi4

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta