Marchionne veste PradaValentino al Qatar Mayhoola for Investments: è ufficiale

I rumors hanno trovato piena conferma: ad acquistare Valentino ( e la licenza di M Missoni, che insieme a Hugo Boss e MCS andava a comporre il Valentino Fashion Group, dal 2007 nelle mani del fondo...

I rumors hanno trovato piena conferma: ad acquistare Valentino ( e la licenza di M Missoni, che insieme a Hugo Boss e MCS andava a comporre il Valentino Fashion Group, dal 2007 nelle mani del fondo britannico Permira e della famiglia Marzotto per una quota di minoranza) è stato il fondo qatarense Qatar Mayhoola for Investments. Il contratto di acquisto tra Mayhoola e Red & Black Lux, società controllata dal Fondo Permira insieme alla famiglia Marzotto, è stato firmato ieri: l’acquisizione è stata chiusa per 700 milioni di euro

“Valentino è da sempre un marchio di grande fascino – hanno commentato dal fondo qatarense – e di indiscusso posizionamento. Siamo rimasti colpiti dal lavoro fatto in questi anni dai Direttori Creativi Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli e da tutto il management team guidato da Stefano Sassi. Il nostro obiettivo è quello di supportare il management al fine di raggiungere una piena valorizzazione delle prospettive di questo magnifico marchio. Crediamo inoltre che Valentino sia la base di partenza ideale per creare una più ampia presenza nel settore del lusso.”

Consulenti dell’operazione sono stati Perella Weinberg Partners (M&A advisor per il compratore), Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. e UniCredit (M&A advisor per il venditore), Citigroup Global Markets Limited (M&A advisor per VFG).

Intanto è arrivata anche la news di una chiusura semestrale molto positiva per Valentino che ha chiuso il primo semestre del 2012 con un fatturato in crescita del 23% rispetto al primo semestre 2011.

Qatar Myhoola for Investments, insomma, pare ci abbia visto giusto: chissà che non abbiano intenzione di rafforzare la propria presenza nel settore lusso con altri acquisti, prossimamente.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta