Una figlia come tePolverini, così hai tagliato il deficit della Sanità? Il mio intervento oggi a Unomattina

Cara presidente Polverini, mentre in Regione si discute delle sue dimissioni, delle colpe della Giunta o del Consiglio e lei annuncia, con dei manifesti, di aver ridotto il deficit della Sanità ...

Cara presidente Polverini,

mentre in Regione si discute delle sue dimissioni, delle colpe della Giunta o del Consiglio e lei annuncia, con dei manifesti, di aver ridotto il deficit della Sanità del Lazio, io le vorrei chiedere di ascoltare.

Comincia così la lettera che, dopo la mia doppia (e pessima) esperienza al Pronto soccorso, ho scritto alla ormai ex governatrice del Lazio. L’ho inviata al Messaggero, che l’ha pubblicata ieri tra le storie della cronaca di Roma. Nel pomeriggio è arrivata la telefonata dalla redazione di Unomattina, con l’invito a partecipare a un approfondimento sui tagli alla Sanità in Regione.

Non senza un po’ di paura di scivolare nel “caso umano”, ho detto sì. Per me ma soprattutto per tutte le disavventure come la mia – e per quelle ben peggiori – che non trovano spazio, non tanto nei media quanto nella coscienza e nell’interesse di chi ci governa. Per tutti quelli che ieri pomeriggio mi hanno detto “devi andare, ci vuole qualcuno che abbia il coraggio di farsi sentire, altrimenti ci si abitua a tutto”.

E così sto andando. Aspetto l’auto che mi porterà a Saxa Rubra, l’appuntamento è alle 9:30 su RaiUno con Elisa Isoardi, Franco Di Mare e Mario Sechi. Più tardi pubblicherò anche la mia lettera al Messaggero.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta