Una figlia come teCore de mamma, così ho cominciato a stirarti le camicie

Capire che sei fuori moda dalla gente che frequenti. È quello che mi è capitato sabato sera. Festa di compleanno, età media intorno alla mia, c’era persino un’altra mamma-to-be. Eppure io ero asso...

Capire che sei fuori moda dalla gente che frequenti. È quello che mi è capitato sabato sera.

Festa di compleanno, età media intorno alla mia, c’era persino un’altra mamma-to-be. Eppure io ero assolutamente out of fashion. Da cosa l’ho capito? Dalle scarpe delle invitate.

Dopo quasi nove mesi, di cui almeno quattro passati dentro ballerine sul livello del mare – noncurante delle nuove proposte calzature moda primavera/estate 2012 e autunno/inverno 2013 – mi sono infatti resa conto che l’ultimo trend per i piedi impone scarpe tacco 12 a cono o almeno zeppe vertiginose. E nel mio guardaroba non ce n’è neanche una.

Sotto i jeans, con elastico in vita per il palloncione addominale, indossavo un paio di anonime ballerine Geox. Pure di colore grigio, se il neutro-classico non fosse abbastanza!

Il fatto è che ora sono troppo impegnata per fare shopping. Sono giorni che metto a posto, lavo, stiro, stiro e lavo (anche a mano!) minuscoli abitini e camicie della fortuna da portare in clinica per il parto. Praticamente sembro la colf di Barbie solo che, con tutto l’amore, i body da neonato sembrano più un gioco alla Cicciobello e hanno assai poco dell’atmosfera da sfilata di moda, a me solitamente più congeniale.

Dev’essere anche per questo che mi sono sfuggiti di mano – anzi, di piede – i tacchi. Con le ballerine ai piedi negli ultimi due giorni ho stirato sei cambi completi di camicina di seta, body a maniche lunghe e corte (farà freddo o caldo?), tutine di cotone felpato e pile (stessa domanda). Risparmiando sui calzini, visto che le tutine hanno i “piedi incorporati”.

In un attacco alla Furio ho messo ciascuno dei set in una bustina trasparente di quelle che usano le lavanderie per le camicie, e poi ho disposto i pacchetti nell’armadio del bebè (da cui ho sfrattato Mr P.) in due ordinate file da tre pezzi, lasciando un po’ “sblusata” la busta in modo che possa entrarci l’aria e i panni non si ammuffiscano prima dell’uso. Non so se è un rischio concreto, probabilmente no. Ma mi è sembrata una mossa molto furba.

“Ma come, neanche è nato e già gli lavi e stiri le camicie?”, mi ha fatto notare un amico. Più che giustamente. “Eh ma a quanto pare devi lavare tutto prima di farglielo indossare”, gli ho risposto io. “Beh, visto che sono vestiti per neonati dovrebbero confezionarli previa sterilizzazione”.

Come dargli torto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta