In mezzo a un ponteIn mezzo a un ponte

Ogni giorno, nel mio tragitto da casa all'ufficio, percorro un ponte pedonale, che sovrasta un torrente, rigagnolo 364 giorni all'anno e fiume in piena il giorno che rimane. Separa la città da quel...

Ogni giorno, nel mio tragitto da casa all’ufficio, percorro un ponte pedonale, che sovrasta un torrente, rigagnolo 364 giorni all’anno e fiume in piena il giorno che rimane. Separa la città da quella che dovrebbe essere la zona industriale, dico dovrebbe perché ormai di industrie ne rimangono ben poche e lasciano sempre più spazio a grandi catene commerciali. Nessuno piange e se qualcuno lo fa, non lo fa sul latte versato, perché recentemente ha chiuso pure la centrale del latte. Anche lei era al di qua del ponte. Al di là la città, le persone, il cuore pulsante. Un mondo che parla tanto di lavoro, senza conoscerne i luoghi; un mondo che scende in piazza e che protesta quando è troppo tardi; un mondo che non vede, non prevede, ma stravede, e pure tanto.

Io sono lì, in mezzo a un ponte.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta