Vita da caniIl programma economico del Pd? Il più aggiornato è di 467 giorni fa

 Per una curiosità personale, oggi pomeriggio sono andato sul sito del Pd in cerca di un programma possibilmente meno vago di quello dell'Agenda Monti. Ho scoperto con orrore che l'ultimo aggiornam...

Per una curiosità personale, oggi pomeriggio sono andato sul sito del Pd in cerca di un programma possibilmente meno vago di quello dell’Agenda Monti. Ho scoperto con orrore che l’ultimo aggiornamento sul capitolo “economia”, nella sezione “Il nostro programma” è stato fatto il 7 ottobre del 2010: 467 giorni fa. C’era ancora Berlusconi, lo spread neanche sapevamo che cosa fosse, Monti era un simpatico signore che scriveva sul Corriere e la crisi era un rumore di fondo di cui si era smesso di parlare dopo la piccola (e illusoria) risalita del pil.

“Ma – mi sono detto – sarò stato sfortunato, d’altronde l’economia non è un tema troppo importante”… E ho provato con le altre sezioni: sono tutte aggiornate al 2010! Ora, un partito che al momento è dato largamente in testa nei sondaggi, il cui leader si comporta come se fosse il premier in pectore, può permettersi di non aggiornare il proprio programma per 467 giorni? Significa che in Italia c’è proprio qualcosa che non va.

  1. Tanto per cominciare, vuol dire che la gente, della politica, se ne infischia allegramente. Se no, qualcuno, avrebbe provato a dire qualcosa in questi mesi.
  2. Significa che la politica in Italia non è una cosa seria, e che è fatta da persone che fondamentalmente non sanno neanche che cosa succede nel nostro Paese.

A ciò, aggiungiamo anche il fatto che dimenticarsi di aggiornare il sito, mentre il presidente degli Usa vince le elezioni anche grazie all’appoggio dei social network (per carità, non solo, ci mancherebbe), è lo specchio di quanto l’Italia sia diventata provincia dell’impero.

E ho volutamente tralasciato le patetiche pantomime cui stiamo assistendo in questa campagna elettorale…

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta