EsterismiLa bandiera della discordia

Accese e continuate proteste a Belfast, dopo la decisione del sindaco della città nordirlandese di "limitare" l'esposizione della bandiera britannica, la "union jack". Centinaia di cittadini animat...

Accese e continuate proteste a Belfast, dopo la decisione del sindaco della città nordirlandese di “limitare” l’esposizione della bandiera britannica, la “union jack”. Centinaia di cittadini animati da passione unionista hanno per giorni manifestato pacificamente davanti alla City Hall, ma vi sono anche stati scontri con la polizia. Così come ancora scontri fra cattolici e protestanti. Ancora una volta, le sei contee mostrano tutti i cruciali nodi irrisolti da Londra: la coesione sociale, l’economia, il rapporto fra cattolici e protestanti e quello fra repubblicani e unionisti. La bandiera è un pretesto, secondo alcuni commentatori, fra cui il Daily Telegraph: il punto è la classe operaia protestante sempre più ai margini. Difficile immaginare ancora una guerra civile, ma attenzione a considerare normalizzata la situazione in Irlanda del Nord.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta