Mekong WaveLa Thailandia vista con gli occhi di tre fotografi italiani

'Amazing Thailand' e' lo spot che gira a ripetizione sui canali internazionali della tv via cavo. Spiagge, mare splendido, avventure, sorrisi all'ombra di templi dorati e centri commerciali argenta...

‘Amazing Thailande’ lo spot che gira a ripetizione sui canali internazionali della tv via cavo. Spiagge, mare splendido, avventure, sorrisi all’ombra di templi dorati e centri commerciali argentati. Anche questa e’ Thailandia.

Quella che ogni anno attira milioni di turisti e dove e’ possibile indicare un numero e affittare corpi per qualche migliaio di Bath. Ma l’ex Regno del Siam non e’ solo questo. Non e’ solo Bangkok, “citta’ dall’anima molto complessa, bella, interessante. Un insieme di grandissimi contrasti come tutte le metropoli moderne”, come la descrive Andrea Pistolesi, in una video intervista a e-photoreview.

La Thailandia, appunto, e’ anche qualcos’altro. Andrea e’ uno dei tre fotografi che ho scelto per raccontarvi un quadro fatto di colori, chiari e scuri.

Gianluca Pulcini: nel dicembre scorso ha presentato il suo lavoro ‘Trans-Asia’, all’Angkor Photo Festival che si e’ tenuto a Siem Reap. Qui vi suggeriamo due lavori in particolare: ‘Thai Child Boxers‘ e ‘Thai Burma Border project

Vincenzo Floramo: premiato per un lavoro fotografico realizzato a Mae Sot, cittadina vicino al confine birmano, con cui ha esposto anche ad Honk Kong: ‘The Recyclers

Foto di Roberto Tofani

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta