Libertà è partecipazioneQualche domanda ai grillini

I grllini eletti in Parlamento non potranno più protestare, ma saranno costretti a proporre qualcosa per tentare di rimettere in piedi il Paese. Per questo nel post saranno elencate alcune domande ...

I grllini eletti in Parlamento non potranno più protestare, ma saranno costretti a proporre qualcosa per tentare di rimettere in piedi il Paese.

Per questo nel post saranno elencate alcune domande rivolte agli elettori che hanno scelto il Movimento 5 Stelle e agli eletti che entreranno per la prima volta nella Camera e nel Senato.

  1. Continuerete a fondare la vostra azione politica sulla protesta iconoclasta, secondo la quale tutti i parlamentari sono ladri o mafiosi?
  2. Come sceglierete la linea politica da seguire in Parlamento? Chi vi darà le indicazioni, Grillo tramite il suo blog?
  3. Riguardo il reddito di cittadinanza: dove troverete i fondi per finanziarlo?
  4. Come credete che debbano essere riformate la scuola e l’università?
  5. La decrescita felice porterebbe non ricchezza, ma povertà. Credete davvero che con la regressione ci possa essere qualche miglioramento?
  6. Amate la democrazia diretta, dite che il web è il posto giusto per far sì che il pensiero di tutti sia valorizzato, quindi perchè non dichiarate nulla ai giornalisti? Perchè rifiutate il confronto?
  7. Credete davvero che negli Usa stiano iniettando alcuni microchip per controllare la popolazione?
  8. La scorsa settimana L’Espresso ha pubblicato un reportage riguardante l’autista e la cognata di Grillo. E’ un complotto anche quello e la colpa è dei giornalisti “piegati” ai poteri forti?

Twitter: @MarcoMitrugno

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter