Laboratorio SiciliaIl Pd riconquista Leoluca Orlando e riparte da Palermo

 Esattamente un anno fa all'Hotel Borsa di Palermo il sindaco di Palermo Leoluca Orlando veniva eletto per la quarta volta con il 72% dei consensi. Con il solo sostegno dell'Idv e della sinistra...

Esattamente un anno fa all’Hotel Borsa di Palermo il sindaco di Palermo Leoluca Orlando veniva eletto per la quarta volta con il 72% dei consensi. Con il solo sostegno dell’Idv e della sinistra radicale, “U sinnacollando“ ri-varcava l’ingresso di Palazzo delle Aquile, lasciava il resto del centrosinistra e, sopratutto, il Pd all’opposizione, dopo una campagna elettorale all’insegna delle polemiche.

Ad un anno dalla sua rielezione Leoluca Orlando molla Antonio Di Pietro, e riparte da un nuovo soggetto politico, che avrà nel suo simbolo il numero “139“, come gli articoli della Costituzione. Alcuni spifferano che si chiamerà “Democrazia e Coerenza 139“, altri preferiscono non rivelare alcunché.

Il primo step della nuova road map orlandiana è stato calderizzato per il prossimo 1 giugno. Quando a Palermo si celebreranno gli stati generale del nuovo “soggetto“ che avrà come obiettivo quello di far ripartire il centrosinistra. «Un centrosinistra diverso, che potrà accogliere anche i liberal democratici, e che dovrà dialogare con figure come Matteo Renzi», spiegano a taccuini dall’innercircle del sindaco di Palermo.

E, sopratutto, dialogherà anche con il Pd. Dopo gli scontri dei mesi scorsi il “U sinnacollando” vuole abbattere le distanza fra la galassia dei democratici e quella del plenipotenziario palermitano. Al momento nessuno sbilancia, ma è nelle cose, fanno sapere a Linkiesta, «un ragionamento con alcuni pezzi di Pd, come l’ex capogruppo dei democratici all’Ars Antonello Cracolici». Oltre a ripristinare il dialogo con il Pd, o almeno con una sua parte, il nuovo soggetto coivolgerebbe anche figure come Giuliano Pisapia, con i quali Orlando dialoga da diverse settimane.

Twitter: @GiuseppeFalci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta