Laboratorio SiciliaTorna Sgarbi: potrebbe essere assessore a Ragusa

Il ritorno in campo di Vittorio Sgarbi non poteva non passare dalla Sicilia. Già sindaco di Salemi, comune sciolto per infiltrazioni mafiose, "Vittorio" torna nella sua Sicilia, «sono più di sicili...

Il ritorno in campo di Vittorio Sgarbi non poteva non passare dalla Sicilia. Già sindaco di Salemi, comune sciolto per infiltrazioni mafiose, “Vittorio” torna nella sua Sicilia, «sono più di siciliano di un siciliano», perché chiamato da Francesco Barone, candidato a sindaco di Ragusa.

Sabato pomeriggio, in una sala all’antica Badia, Barone ha presentato «il suo futuro assessore ai beni culturali». Camicia bianca e pantalone beige, “Vittorio” ha accettato l’invito, nonostante in tempi non sospetti avesse detto che non sarebbe più tornato in Sicilia. La sfida ragusana lo intriga. Lui adora la Sicilia. E i siciliani adorano lui.

Del resto, parola di Sgarbi, «solo Ragusa o Pantelleria potevano farmi recedere dalla mia intenzione di non fare più politica dopo l’esperienza traumatica di Salemi». Oltretutto lo farà gratuitamente: «Io sono l’assessore più economico, non costo una lira». Però.

Adesso tutto dipenderà dal responso elettorale. Ma, fanno sapere alcuni insider ragusani, «il nome di Sgarbi aiuterà Barone a farsi conoscere in tutto lo stivale». Basterà per vincere?

@GiuseppeFalci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta