L’Altro CinemaBig Star, la band che non c’era

Non avevo mai sentito parlare dei Big Star. Originari di Memphis, tre album storici pubblicati all'inizio degli anni '70 (tutti e tre, secondo la Bibbia del rock Rolling Stone, tra i 500 migliori d...

Non avevo mai sentito parlare dei Big Star. Originari di Memphis, tre album storici pubblicati all’inizio degli anni ’70 (tutti e tre, secondo la Bibbia del rock Rolling Stone, tra i 500 migliori di sempre) e fonte di ispirazione per musicisti del calibro dei REM, The Replacements, Elliott Smith, Wilco, The Flaming Lips e tanti altri ancora. Inspiegabilmente non hanno mai riscosso il successo che meritavano. Per riscoprirli, guardate il trailer del bel documentario a loro dedicato. Si chiama Big Star: Nothing Can Hurt Me, un viaggio unico e malinconico alla scoperta della band che non c’era.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta