Barbe BruciateDal Tribunale di Palermo è passato von Goethe

Raccontano le cronache che il Tribunale di Palermo si è dato novanta giorni per depositare le motivazioni sull'assoluzione del generale Mori. Il sostituto procuratore Di Matteo alla lettura del dis...

Raccontano le cronache che il Tribunale di Palermo si è dato novanta giorni per depositare le motivazioni sull’assoluzione del generale Mori. Il sostituto procuratore Di Matteo alla lettura del dispositivo ha esclamato: nella sentenza “ci sono passaggi che fatico a spiegarmi”. Nella sentenza? È un’opinione da mago. Avrà avuto una visione su ciò che si troverà scritto solo tra novanta giorni.

E mentre l’immersione nella preveggenza si consumava, è passato per Palermo tale von Goethe. Girovagando si è accorto de “L’apprendista stregone” e soprattutto della sua scopa: pensava di controllarla, ma ormai non rispondeva più ai suo ordini. Sarà forse per questo che gli avrà suggerito una nuova preghiera della sera: “Signore, il pericolo è grande, / Gli spiriti chiamati per magia, / non riesco a liberarmene.”