Colpo di taccoE’ ufficiale: Nelson Mandela NON è morto

No, Nelson Mandela non è morto, ma se la smettete di tirargli i piedi è meglio...Il sottotitolo dice già tutto, e racconta di un tam tam asfissiante avvenuto nell'intera giornata di oggi. Facebo...

No, Nelson Mandela non è morto, ma se la smettete di tirargli i piedi è meglio…

Il sottotitolo dice già tutto, e racconta di un tam tam asfissiante avvenuto nell’intera giornata di oggi. Facebook e twitter hanno collezionato sfilze di R.I.P. conditi da aforismi tesi a magnificare la vita del Presidente Sudafricano, giusto per ricordare a tutti noi che gli insegnamenti di una persona trovano spazio solo se la stessa passa a miglior vita (Margherita Hack docet).

Al di là di questo fenomeno, che meriterebbe di essere analizzato da qualche improbabile studio scientifico americano, restano i dubbi e le perplessità sulla superficialità con la quale più di una persona illustre si è lasciata prendere la mano: 5 giorni fa un ministro (e sì addirittura un ministro) australiano, ha interrotto una cena ufficiale per darne il triste annuncio (rovinando la sua reputazione e ovviamente anche la cena…), mentre il tennista Rafa Nadal si è anticipato addirittura di una ventina di giorni…

Capisco che vi sia attenzione per le condizioni di uno dei miti dei nostri tempi, ma se magari la smettiamo di pensare alla sua morte per qualche giorno, di certo non ci potrà fare male, e sono convinto che possa giovare anche a lui… AMEN

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta