Il labirinto di CnossoLe mafie sono alla frutta

Le mafie sfidano la scuola? Vuol dire allora che sono alla frutta.   Brindisi torna a far parlare di sè dopo quella mattina di maggio 2012 quando dinanzi alla scuola "Morvillo-Falcone" scoppiava ...

Le mafie sfidano la scuola? Vuol dire allora che sono alla frutta.

Brindisi torna a far parlare di sè dopo quella mattina di maggio 2012 quando dinanzi alla scuola “Morvillo-Falcone” scoppiava l’inferno con le tre bombole di gas che causarono la morte di Melissa Bassi, 16 anni.

Quel che è successo la scorsa notte, alla “Crudomonte“, scuola elementare del brindisino, è segno della fobia che avvertono le mafie contro la scuola italiana, una delle agenzie educative per eccellenza che contribuisce alla formazione delle coscienze. Un avversario pericoloso per le mafie che va bistrattato, boicottato, infangato.

E’ una Sacra Corona Unita ingessata, con la stampella, o forse due. Ha paura e l’ha dimostrato scrivendolo sui muri della scuola del rione Sant’Angelo con queste scritte: “La mafia siamo noi” e “Qui lo Stato sono io”.

Se non alla frutta le mafie mostrano comunque segni di debolezza agendo con questo ‘modus operandi’ vecchio stile che, forse, funziona ancora nei piccoli centri.

Niente paura comunque. A salvarci da questi attacchi sarà, si spera, l’onnipotente cultura.

Foto: Ansa

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta