Re fusoLa forza di Gravity

  Nella lacrima che arriva addosso allo spettatore, in un 3D per una volta necessario e narrativo, c'è una sorta di metafora del cinema, come visione e condivisione. Gravity è un film sullo spazio...

Nella lacrima che arriva addosso allo spettatore, in un 3D per una volta necessario e narrativo, c’è una sorta di metafora del cinema, come visione e condivisione.

Gravity è un film sullo spazio inteso come vuoto e, quindi, come morte. E sulla vita, che riempie questo spazio. È un film sulla caduta, in quel vuoto, e sul ritorno. È un film sulla deriva, a cui non ci si può abbandonare. Sul trauma e sul necessario superamento del trauma. E potrei andare avanti…

Ma soprattutto Gravity è una bella storia, raccontata magnificamente. Con la capacità di stupire senza esibizionismi circensi, grazie a effetti davvero speciali. Serve altro?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta