In viaggio con TancrediSui binari

Dentro Tancredi con maglione blu e sciarpa rossa, fuori una sequenza di pale eoliche conficcate in mezzo al mare. Bellissime. Tancredi ha vissuto il suo primo viaggio in treno senza sapere che fos...

Dentro Tancredi con maglione blu e sciarpa rossa, fuori una sequenza di pale eoliche conficcate in mezzo al mare. Bellissime. Tancredi ha vissuto il suo primo viaggio in treno senza sapere che fosse davvero il primo e, soprattutto, senza rendersi ancora conto del fascino che hanno le cose fatte per la prima volta. Attraversando in treno un ponte che lo ha condotto da un paese all’altro del nord Europa, Tancredi ha creduto di stare seduto su una sedia spinta da un uomo invisibile: un gioco divertente e magico. Durato poco, perché tra il punto di partenza e quello d’arrivo, sono passati non più di 25 minuti. Il tempo giusto per capire che anche stando fermi, a volte, ci si muove. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta