Scrivi con me un libro al giornoIl “lavoro” e la “dry stout” TOMMY WINKLEY

  Dunque, sto tornando a casa dal lavoro. “Lavoro”, non mi sembra neanche di poterlo definire così: come diceva mio nonno irlandese “se non si sforzano le mani non è lavoro”. Lui lavava il luppolo ...

Dunque, sto tornando a casa dal lavoro. “Lavoro”, non mi sembra neanche di poterlo definire così:come diceva mio nonno irlandese “se non si sforzano le mani non è lavoro”. Lui lavava il luppolo per la fabbrica della “dry stout”, la birra Guinnes di Dublino e le sue mani, anche dopo tanti anni che aveva smesso di lavorare, erano ancora storte e tutte a nodi, da quanto le aveva tenute a mollo. … il nonno irladese, con quel suo sorriso a smorfia… Sarebbe presto per tornare a casa, potrei coinvolgere una delle Genny e passarmi una bella serata, ma voglio controllare …”u finimondo”,in quanto l’arrivo della cugina Vallerya ha davvero… mosso le pareti.. Tommy Winkley

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta