Doppio (s)maltoIncontri internazionali, le prime rottamate sono le first lady

Ah, sarà la primavera, saranno i venti che soffiano sulla politica internazionale o solo gli spifferi che sibilano nelle camere (da letto e non solo) dei Capi di Stato ma qui non ce n’è uno che rie...

Ah, sarà la primavera, saranno i venti che soffiano sulla politica internazionale o solo gli spifferi che sibilano nelle camere (da letto e non solo) dei Capi di Stato ma qui non ce n’è uno che riesce a tenersi una moglie che sia una.

Il G8 o G7 che sia e tutti gli incontri unilaterali tra i capi di Stato non sono più così divertenti, non che la politica lo sia mai stata, ma le first lady servono proprio a quello, a mettere un po’ di colore nei grigi incontri di politica internazionale (no, le giacche della Merkel non valgono!). Insomma i Capi di Stato sembrano volersela cavare da soli e, a suon di corna e non solo, hanno relegato le first lady ad un ruolo marginale nel perfetto stile Wilma Flintstone… manca solo la clava!

Dove sono finite le Carla Bruni e Letizia di Spagna che fanno a gara di sculettamento sulle scale a suon di tacco 12? Dove è finito quell’abbraccio tra Barack e Michelle che tanto aveva fatto sognare Twitter poco dopo le elezioni americane? Dove è finita anche la coriacea Hillary Clinton che sorrideva a denti (molto) stretti anche di fronte ad un marito che aveva fatto delle corna una questione di stato!

Barack Obama si è anche recato da solo da Papa Francesco (che di First Lady non dovrebbe averne), mentre Michelle se la gironzolava in solitaria per la Cina con figlie e mamma. Sarà forse che Barack si volesse fare un selfie con Papa Francesco senza gli occhi imbufaliti della moglie che lo guardavano come in occasione dei funerali di Nelson Mandela?

Lo Zar Putin ha annunciato il divorzio dalla moglie nel 2013 mentre pare abbia avuto due figli dalla ginnasta olimpica Alina Kabaeva. Ma anche qui, mai una volta che se la portasse dietro, nemmeno quando va a fare quelle cose da vero macho, tipo la pesca a petto nudo o i giri in sottomarino. La povera Alina ha beccato una poltrona politica, ma lo status di first lady è ancora molto lontano!

Hollande, non ne parliamo neanche… lui una first lady non ce l’aveva dall’inizio, nel senso che più che premiere dame la povera Rottweiler era una premiere-compagne! E dopo essersi fatto beccare in una situazione imbarazzante che quella di Clinton con la stagista in confronto era una passeggiata, che fa? La molla, le dice che se la fa con l’attrice Julie e se ne va da Obama da solo, creando il delirio tra lo staff della presidenza americana, che non sapeva più neanche come piazzarlo a tavola!

In Italia, il rottamatore ha rottamato anche la moglie, lasciandola a Pontassieve, ufficialmente a badare alla casa e ai figli. Risultato: il nostro Renzi, senza la moglie non riesce neanche ad abbottonarsi il cappotto, come abbiamo ben visto nel caso della visita alla Merkel.

Insomma dove sono finite le first lady? Non mi dite che il glamour della first lady di kennediana memoria è lasciato al marito della Merkel o ad Agnese Renzi… vi prego, questo no!

Sarà colpa di uomini troppo egocentrici o donne troppo ingombranti e non così pazienti?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta