LOMBARDIA NEXT STATE IN EUROPERoma è salva, ma nessuno salverà Milano

Il primo ottobre scorso ci chiedevamo, tramite un titolo composto da una domanda retorica, “Roma è salva, ma chi salverà Milano?”. La pezza sul debito romano è stata alla fine posta, nel mentre la...

Il primo ottobre scorso ci chiedevamo, tramite un titolo composto da una domanda retorica, “Roma è salva, ma chi salverà Milano?”.

La pezza sul debito romano è stata alla fine posta, nel mentre la capitale lombarda rimane allo stesso punto di prima.

Con un’esposizione universale alle porte e lavori in ritardo, il Comune milanese si bea di avere inaugurato la linea 5 della metropolitana, omettendo però di dire che abbiamo linea 1, 2, 3 e 5, saltando la numero 4 rimandata al 2018 per la solita carenza di risorse.

Questo è il destino della capitale lombarda, nello Stato italiano: subire a carissimo prezzo le inefficienze italiane, mantenere gli oltre 56mila dipendenti del Comune di Roma (tra partecipate e dipendenti diretti, son 22mila in più di quelli della Commissione Europea) e rimanere silente di fronte alla rapina fiscale che colpisce tutti i cittadini lombardi.

Milano è sempre stata molto simbolica nella lotta per l’indipendenza dei Comuni lombardi, è ora che la riscossa milanese e lombarda cominci, ne va della propria sopravvivenza.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta