Diario di una disoccupata perbeneQuando cercare lavoro è come andare al circo

  Cercare lavoro a volte è un pò come andare al circo: ti lascia una tristezza grottesca che non va via nemmeno dopo ore, paghi per non divertirti nel  vedere dei fenomeni da baraccone. Solo una do...

Cercare lavoro a volte è un pò come andare al circo: ti lascia una tristezza grottesca che non va via nemmeno dopo ore, paghi per non divertirti nel  vedere dei fenomeni da baraccone.

Solo una domanda mi tormenta: in questo circo il fenomeno da baraccone è chi cerca lavoro o chi lo offre?

Uno stage per i neo 30enni voi lo considerate come una proroga alla disoccupazione senile o come l’ennesima fregatura?!

Avendo letto di un bando che permetteva anche ad over 30 come me, e per la precisione a 35 enni quasi 36 enni di svolgere uno stage di 5 mesi, per 8 ore al giorno retribuito 500 euro al mese, mi sono voluta buttare su questa straordinaria offerta.

Oggi mi sono recata al centro per l’impiego locale dove penso di aver capito in modo definitivo che nessuno sarà mai intenzionato ad assumermi nemmeno nel caso in cui mi offrissi di lavorare gratis.

Il mio sogno di stage si è frantumato in 10 secondi e per la precisione in due fasi.

PRIMA FASE: apprendo dalla gentile addetta del “Progetto Giovani” che in realtà si smette di essere giovani a 35 anni e 6 mesi, considerando che con un mese di anzianità in più si viene direttamente estinti in modo Darwiniano da questo progetto.

SECONDA FASE: mi rendo conto di essere iscritta alla banca dati di questo progetto dal 2006,  anno del mia laurea, e non essendo mai stata chiamata da nessuna azienda nemmeno in giovane età (si fa per dire), me ne ero completamente dimenticata.

Avete presente quel gene di follia che vi fa continuare per la vostra strada sapendo che non vi porterà da nessuna parte, ma non riuscite comunque ad abbandonarla? La follia tipica di un clown, che sa di non far ridere nessuno, ma continua il suo penoso spettacolo?

Ecco così oggi, avendo capito per l’ennesima volta di trovarmi nè più nè meno in un circo, ho inviato e portato di persona cv nelle seguenti attrazioni lavorative locali: Coin, Oviesse, Bottega Verde, Biella Scarpe e anche una spiaggia proponendomi come addetta per fare panini al chiosco.

DOMANDA: Quanti di questi pensate mi richiameranno?

RISPOSTA: Nessuno.

DOMANDA: Perchè?

RISPOSTA: Dunque di solito perchè ho più 29 anni ( il che già di per se è abbastanza frustrante per una donna), perchè sono laureata e non trovano in me le caratteristiche che mi consentano di fare la commessa o la paninara, perchè ho troppa poca esperienza nel settore, perchè sono al completo oppure perchè ho i capelli scuri invece di averli biondi.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter