PortAccantoSartori, la prova del pistacchio

Piazza Luigi di Savoia angolo via Pergolesi, MilanoNonostante nessuno abbia ancora preso sul serio il fatto che sia estate (e che, anzi, stia già quasi scappando), un gelato fatto bene è uno di que...

Piazza Luigi di Savoia angolo via Pergolesi, Milano

Nonostante nessuno abbia ancora preso sul serio il fatto che sia estate (e che, anzi, stia già quasi scappando), un gelato fatto bene è uno di quei cliché di metà agosto in cui è impossibile non inciampare.
A ognuno il suo metro di misura e i suoi gusti, ma per quanto mi riguarda la vera prova è il pistacchio: l’unico gusto tra quelli classici a metà tra il salato e il dolce, in versione artigianale di colore pallido, mentre in quella confezionata in diverse varianti di verde inquietantemente brillanti.
Le classifiche sono difficili, ma uno dei conclamati vincitori della prova pistacchio è indubbiamente Sartori, piccola gelateria storica a fianco al tunnel di stazione Centrale.
Sempre nello stesso angolo, con le spalle appoggiate al muro della galleria, ammicca silenziosa a turisti appena arrivati, pendolari con troppo poco tempo, viaggiatori abitudinari un po’ annoiati, a chi sta passando per caso o chi l’ha scoperta da bambini. E alla fine conquista tutti.
Stessa voglia e stesso posto dal 1937, passata di generazione in generazione, Sartori è la lunga lista di gusti che spiccano sul pexiglass rosso fuoco, le battute fresche dei ragazzi dietro al banco, i gusti colorati che sbucano di sfuggita dal frigo a pozzetto, i gradini di marmo della stazione che fanno sedere tutti.

Fotografia: Giovanni Nardi

Se vuoi saperne di più guarda qui

E se invece vuoi spiarci qui

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta