IoVoglioTornareGarreet Gee il milionario di 28 anni che gira il mondo senza soldi

La sua storia sta facendo il giro del mondo, come quello che sta conducendo con la sua famiglia. Garrett Gee, a 26 anni si è guadagnato la bellezza di 54 milioni di dollari vendendo la sua società ...

La sua storia sta facendo il giro del mondo, come quello che sta conducendo con la sua famiglia. Garrett Gee, a 26 anni si è guadagnato la bellezza di 54 milioni di dollari vendendo la sua società Scan a Snapchat (Scan è un app che di base permette di scannerizzare i qr code, Snapchat l’ha usato per leggere i puntini attorno alla foto profilo, così da poter aggiungere amici scannerizzano il codice). Il creativo dopo l’accordo ha deciso di buttarsi alle spalle le convenzioni, rinunciare al posto di lavoro offertogli da Snapchat e ha deciso di partire per un lungo viaggio in giro per il mondo, insieme a moglie e figli.

Dopo aver messo da parte il guadagno della compravendita con Snapchat ha deciso di vendere tutto quello che aveva e di mettersi in moto.

A differenza di quanto qualcuno possa pensare però Gee non ha usato i soldi della transazione per andare a zonzo con la famiglia, al contrario ha fatto un’altra follia. Dopo aver messo da parte il guadagno della compravendita con Snapchat ha deciso di vendere tutto quello che aveva e di mettersi in moto. Ha ricavato circa 45mila sterline che gli hanno permesso di stringere i lacci dello zaino, prendere in braccio i figli Dorothy e Manilla e per mano la moglie Jessica e dare avvio ad una delle esperienze più estreme e singolari di sempre.

Da quel momento, scatti intimi con i bambini, foto di vestiti ed equipaggimento per le nuove mete sono diventati fulcro e calamita per commenti e like.

 https://www.youtube.com/embed/L1FSW_pXkXw/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

E’ diventato un milionario dopo essere un creativo. E questa sua dote gli è decisamente tornata utile a pochi mesi dall’inizio della sua nuova vita. Ha iniziato a documentare il suo tour per il mondo attraverso un blog e delle foto sui suoi social network. Insieme alla moglie hanno creato il profilo Bucket List Family che su Instagram è divenuto subito popolare con oltre 480 follower. Oltre al profilo esistono un sito internet (in cui sono raccolte tutte le mete toccate), un canale youtube, e anche un reparto shop con i cimili da viaggio. Da quel momento, instantanee in ogni luogo del mondo, scatti intimi con i bambini, foto di vestiti ed equipaggimento per le nuove mete sono diventati fulcro e calamita per commenti e like. E il social si è trasformato da semplice vetrina di ricordi ad evento per guadagnare nuove mete. Il successo ricavato da questo fenomeno social ha convinto albergatori e responsabili di compagnie aeree a finanziare i viaggi della famiglia Gee, in cambio di visibilità sui loro canali.

un colpo di testa potrebbe essere la cosa più razionale che abbiate fatto nella vostra solita vita…

Il ventottenne audace e folle ha tentato di dare una svolta alla sua vita. Un ufficio troppo stretto, e una routine giornaliera non avrebbero reso giustizia alla sua felicità. Ha fatto un bilancio, ha tirato le somme ed ha rischiato. Oggi oltre a girare per il mondo con i suoi cari dall’Australia al Giappone, ha messo in piedi un altro sistema per guadagnare quattrini. Qualcuno dirà “Certo, però aveva le spalle coperte”, come dargli torto, ma superando i sofismi e le masturbazioni cerebrali pensate anche che: di tanto in tanto un colpo di testa potrebbe essere la cosa più razionale che abbiate fatto nella vostra solita vita…

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta